Notizie
Categorie: Nazionali - Under 15

La Lazio di Franceschini si congeda perdendo di misura contro il Napoli

I ragazzi di Franceschini cadono contro i partenopei nonostante gli sforzi. Anche nella terza giornata emergono i limiti del reparto avanzato, ma i biancocelesti escono a testa alta



MARCATORI Minale 38' st

LAZIO Duca, Spiezio, De Angelis, Colarieti (10' st Germini), Costalunga (31' st Castellani), Kokali, Spurio (17' st Svidercoschi), Frattesi, Romani (6' st Lavagna), Miceli (27' st Tiozzo) Mancini (27' st Ziello) PANCHINA Rausa, De Cosmi, Rubiano ALLENATORE Franceschini

NAPOLI Pezzella, Mattarelli (1' st Rea), Marino, Santoro, Esposito, Riccio (10' st Calazza), Guida (10' st Minale), Passeri (1' st Pelliccia), Mentana (1' st Messina), Mattera (1' st Daddio), Russo (17' st Vasca) PANCHINA Schaeper, Cesarano, Messina ALLENATORE Liguori 

ARBITRO Capezzi di Valdarno

ASSISTENTI Cecchi e Matteoni di Pistoia

NOTE Ammoniti Pelliccia, Marino Angoli 3-1 Fuorigioco 4-2 Rec. 0'pt - 4'st

La delusione di Svidercoschi © Gazzetta RegionaleLa Lazio saluta Chianciano con una sconfitta di misura controil Napoli. A conti fatti non sarebbe cmbiato nulla, ma i biancocelesti avrebbero meritato almeno il pareggio per lo sforzo mostrato in campo. Invece vince il Napoli, che trova la rete del successo in pieno recupero. Franceschiniaveva chiesto un approccio più tosto, dopo quelli timidi contro Juvee Roma, e i suoi sembrano aver recepito il messaggio. Passano infattisolamente due minuti e la Lazio sfiora il primo gol. Clamorosaingenuità di Passeri in disimpegno, Frattesi intercetta e entra nelcuore dell'area, dove con il sinistro, da ottima posizione, nonriesce a trovare lo specchio. Passano pochi istanti ed è Miceli apresentarsi al tiro, ma la sua conslusione dalla distanza sfila sulfondo. Una vivacità che, grazie anche alla reazione dei partenopeisi spegne subito, con l'undici di Liguori che riesce a rialzareimmediatamente il baricentro, riuscendo ad arginare le scorribande diSpurio e compagni, con il match che staziona a centrocampo finoal21', quando è il Napoli a farsi pericolso con un'iniziativa sullasinistra, vanificata da un destro potente ma fuori misura di Mattera.Così, per assistere alla prima vera occasione da gol bisognaattendere il 26'. Spurio scatta sul filo del fuorigioco e anticipaPezzella in uscita defilandosi troppo per tentare la conslusione,così sveglie il passaggio per Mancini, ma il destro a portasguarnita dell'esterno viene salvato nei pressi della linea di portada Riccio, che in spaccata devia in corner. La Lazio chiude increscendo e al 33' è Spurio, servito da un lancio millimetrico di DeAngelis, a provare la conclusione al volo, ma Pezzella è attento eblocca in presa plastica. E' l'ultimo squillo della prima frazione.

Il secondo tempo si apre con il Napoli che presenta in campo quattro nuovi effettivi. E la scelta, in avvio, pare dare ragione a Liguori, che trova maggiore vivacità nella manovra, arrivando alla conclusione 6' proprio con uno dei neoentrati, Messina per l'esattezza, ma Duca è attento. La Lazio risponde al 6', creando un occasionissima con Spurio. Il numero sette, però, si fa respingere la conclusione da Pezzella, Lavagna non è abbastanza reattivo per deviare a porta sguarnita e fa da sponda per Miceli che non trova la misura per il pallonetto. Pochi minuti più tardi è ancora il numero dieci a provarci dalla distanza, ma senza intimorire l'estremo difensore avversario che blocca in due tempi. La Lazio ci prova, vuole salutare almeno con una vittoria, nonostante le notizie che arrivano dagli altri campi la taglino fuori dalle semifinali, e sfiora la rete conun destro da fuori di Frattesi. Nel finale ci prova anche Ziello, ma Pezzella c'è. A pochi istanti dalla fine arriva la beffa: Minale inventa un grandissimo tiro a giro che si insacca sotto il sette. Peccato. Ma nlla cancella quanto fatto da questo gruppo.