Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Nazionali

La Lazio parte male: al Palagems vince il Pescara

Sconfitta di misura per i biancocelesti capitolini che cadono sotto i colpi dei campioni d'Italia per 2-1



S.S. LAZIO-PESCARA 1-2

MARCATORI 2’17’’ p.t. Perri (L), 3’18’’ s.t. Rogerio (P), 9’46’’ Grello (P)

LAZIO Leofreddi, Gioia, Nardacchione, Perri, Rocha, Scalambretti, Fortini, Pòl Pacheco, Escosteguy, Juninho, Pilloni, Schirone ALLENATORE Mannino 

PESCARA Capuozzo, Caputo, Rogerio, Canal, Nicolodi, Ercolessi, Salas, Rescia, Lara, Grello, Chiavaroli, Garcia Pereira ALLENATORE Colini


Perri (Lazio) suo l'1-0 (foto Rufini)Non basta una prestazione di grande cuore alla squadra di Mannino: nonostante una difesa strenua, vincono gli ospiti. Nel primo tempo gol di Perri, nella ripresa decidono Rogerio e Grello. La seconda giornata di campionato vedrà la Lazio giocare in casa della Luparense. Primo tempo di sofferenza ma di grande intensità. La Lazio capitalizza al massimo la prima occasione e grazie ad una grande giocata in banda di Perri trova il vantaggio dopo soli 2’ di gioco. La reazione dei campioni d’Italia è veemente e serve tutta la bravura di Leofreddi per tenere invariato il risultato. Padroni di casa anche un pizzico fortunati in occasioni dei tre legni colpiti dal Delfino: traversa di Canal al terzo, palo di Grello a meno di un minuto dallo scadere e, traversa-carambola di Rescia a 5’’ dalla fine. All’intervallo è sorprendentemente 1-0 per la Lazio. Riparte a testa bassa il Pescara e il gol del pari al 3’ porta la firma di Rogerio: il pivot si libera di Perri, resiste a Nardacchione e batte imparabilmente Leofreddi per l’1-1. Dopo un periodo di sostanziale equilibrio, il gol del vantaggio del Delfino lo trova Grello al decimo: l’ex ElPozo Murcia si accentra su destro e spara un siluro sotto l’incrocio dei pali per il 2-1. A sei minuti dalla fine Mannino inserisce Escosteguy come portiere di movimento. I minuti finali sono davvero concitati e per poco la Lazio non fa il colpaccio: Capuozzo però risponde presente sulle sollecitazioni di Gioia e Pacheco e tiene chiusa la sua porta. Finisce 2-1 per gli ospiti, ma la Lazio dimostra che la strada intrapresa è quella giusta. Il prossimo fine settimana si va in casa della Luparense, sconfitta anch’essa ma al PalaSanQuirico dall’Asti.