Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Nazionali

La Lazio supera la Luparense nel posticipo e torna in vetta

La squadra di Mannino vince 4-2 e riprende l'Asti in testa alla graduatoria: inutile la doppietta di Honorio



LAZIO-LUPARENSE 4-2 (2-1 p.t.)

MARCATORI 4’04’’ p.t. Honorio (LU), 7’20’’ Marquinho (LA), 10’02’’ Manfroi (LA), 4’26’’ s.t. Honorio (L), 16’58’’ Paulinho (LA), 19’34’’ Saul (LA)

LAZIO Molitierno, Paulinho, Marquinho, Duarte, Saul, Corsini, Schininà, Chilelli, Manfroi, Mentasti, Sordini, Leofreddi ALLENATORE Mannino (squalificato, in panchina Tichetti)

LUPARENSE Miarelli, Mauricio, Honorio, Merlim, Giasson, Da Silva, Caverzan, Lo Giudice, Restaino, Taborda, Waltinho, Morassi ALLENATORE Fernandez

ARBITRI: Ruggiero Chiariello (Barletta), Carmelo Loddo (Reggio Calabria) CRONO: Andrea Campi (Ciampino)

NOTE Ammoniti Corsini (LA), Marquinho (LA), Duarte (LA)Epulsi Corsini (LA) al 13’45’’ s.t. per somma di ammonizioni


La giia biancoceleste (Foto © Divisionecalcioa5.it)E’ amaro, il ritorno di Julio Fernandez sulla panchina della Luparense; è dolcissimo, invece, il posticipo dell’ottava giornata per la Lazio, che torna in testa al campionato di Serie A di calcio a 5, seppur in compagnia dell’Asti. La squadra di Massimiliano Mannino riscatta il ko di una settimana fa a Rieti e con il 4-2 del PalaGems firmato Marquinho, Manfroi, Paulinho e Salas blinda intanto la qualificazione alla Final Eight di Coppa Italia, matematica sia per la lazio che per l’Asti. Ai Lupi non basta la doppietta di Honorio.Torna in campo Alex Merlim, schierato per la prima volta in stagione nel giorno del ritorno in panchina di Fernandez: a portare in vantaggio i Lupi è però uno splendido gol di Honorio, che supera Manfroi sulla corsia e di destro infila Molitierno sotto la traversa. Risponde la Lazio con Schininà, ma è bravo Miarelli a sbarrargli la strada. Il pareggio arriva poco dopo con Marquinho, che riceve l’assist di Duarte e stavolta trova il bersaglio. A metà primo tempo, la Lazio opera il sorpasso, con un sinistro di Manfroi che non lascia scampo al portiere romano della Luparense.Nella ripresa, la Luparense tenta l’assalto al pareggio: in apertura, destro sul secondo palo di Merlim, palla di poco a lato. Pari che arriva al 4’26’’, su schema da calcio di punizione: Molitierno sale all’altezza della barriera, ma Merlim apre a sinistra per Honorio che di piatto infila la porta biancoceleste. La partita è meno emozionante rispetto al primo tempo: a riaccenderla, dopo un palo di Schininà, è l’espulsione di Corsini, che commette fallo su Taborda e subisce il secondo cartellino giallo. La squadra di Mannino (quest’oggi squalificato), però, resiste in inferiorità numerica e, al ritorno in cinque contro cinque, torna in vantaggio con una gran botta di sinistro di Paulinho sugli sviluppi di un calcio di punizione. Immediato, l’ingresso di Mauricio portiere di movimento: a 26 secondi dalla fine, chiude Saul, che si inventa un’incredibile parabola dalla propria area di rigore, spostato sulla sinistra. Il PalaGems può esplodere, la Lazio è ancora capolista.LE ALTRE PARTITE L’anticipo di venerdì aveva sorriso alla Rapidoo Latina: 4-3 al Kaos Futsal, con il gol decisivo di Bacaro nei secondi finali che non è bastato al tecnico nerazzurro Luca Giampaolo per evitare l’esonero. Ieri, quinta vittoria consecutiva dell’Asti, primo grazie al 3-0 sul Napoli; il derby abruzzese, invece, se lo aggiudica l’Acqua&Sapone Emmegross, che supera 3-1 il Pescara e si riavvicina alle posizioni di vertice. Aveva aperto il pomeriggio il pareggio (2-2) tra Città di Sestu e Real Rieti.