Notizie
Categorie: Altri sport

La Lazio viene sconfitta al Battaglini di Rovigo

Biancocelesti ko per 46-14. Moderatamente soddisfatto il presidente Biagini "Non era questa la partita da vincere"



FEMI-CZ ROVIGO v IMA LAZIO 46-14 

MARCATORI p.t. 7' cp. Mantelli (3-0), 11' m. Menon non tr. (8-0), 34' m. Lubian E. non tr. (13-0), 38' m. Frati tr. Mantelli (20-0), 40' m. Maran tr. Mantelli (27-0); s.t. 1' m. Van Niekerk tr. Mantelli (34-0), 12' m. Brancoli tr. Calandro (34-7), 28' m. Ferro non tr. (39-7), 38' m. Pavanello tr. Mantelli (46-7), 40' m. Romagnoli tr. Calandro (46-14)

ROVIGO Mantelli; Lucchin, Majstorovic, Van Niekerk (cap), Menon (9' st. Pavanello); Chillon (12' st. Basson),Frati (12' st. Bronzini); Zanini; Lubian E., Ruffolo (1' st. Bernini); Parker (1' st. Ferro), Maran (23' st, Ruffolo) (35' st. Maran); Pepoli (23' st. Bordonaro), Silva (9' st. Silvestri), Balboni (9' st. Quaglio) ALLENATORE Frati

IMA Lazio Giangrande; Rigo, Giacometti, Lo Sasso, Giancarlini (1' st. Musso); Calandro, Martinelli (29' st. Bonavolontà); Ymaz (19' st. Damiani); Filippucci (cap) (29' st. Romagnoli), Brancoli; De Lorenzi, Fratalocchi (15' st. Pierini); Rochford (19' st. Bolzoni), Lupetti (9' st. Cugini), Di Roberto (12' st. Pettinari) ALLENATORE Pratichetti

Una fase del match

Finisce 46-14 in favore dei padroni di casa il match del Battaglini tra Femi-Cz Rovigo e la S.S. Lazio Rugby 1927, valido per la seconda giornata dell'ottantaseiesima edizione del campionato nazionale d'Eccellenza. Punteggio che suona davvero pesante per i biancocelesti, impennato nel finale del primo tempo grazie alle tre mete in sequenza rossoblu. Dopo la prima marcatura al 3' dell'ala Francesco Menon, la reazione della Lazio arriva al 25' quando dopo ripetute azioni nei 22 avversari del XV biancoceleste arriva l'espulsione temporanea di Ruffolo del Rovigo. Al XV guidato da Pratichetti e Coppeto manca però concretezza nel momento topico del match non riuscendo a marcare punti in superiorità numerica. Al 29' errore dalla piazzola per Luca Calandro che non riesce a centrare i pali per accorciare le distanze nel punteggio. Negli ultimi dieci minuti della prima frazione di gioco le tre mete realizzate dai padroni di casa scavano il gap decisivo,i rossoblu dimostrano in maniera perentoria di essere squadra cinica e ben organizzata. Nella seconda frazione di gioco i padroni di casa consolidano il vantaggio marcando altre tre mete rispettivamente al 41' con Van Niekerk, al 68' grazie ad una rolling maul concretizzata da Matteo Ferro ed al 78' dal veterano Peter Pavanello. I biancocelesti riescono ad accorciare le distanze grazie ad una rolling maul nei ventidue metri veneti concretizzata dal terza linea Giacomo Brancoli e trasformata successivamente da Luca Calandro. Anche l'ultimo squillo è della Lazio: sul finire di tempo all'80' è Simone Romagnoli a bucare la linea di difesa avversaria e a schiacciare sotto i pali. La successiva trasformazione di Calandro fissa il punteggio finale sul 46 a 14. Nonostante la sconfitta moderatamente soddisfatto il presidente Biagini "non era  certo questa la partita che dovevamo vincere ad ogni costo. Peccato per qualche errore di troppo da parte nostra, evitandolo avremmo potuto limitare il pesante gap nel punteggio. C'è comunque una grande differenza di organico tra le due squadre e si è visto in campo. E' andata bene la tenuta mentale  e la combattività della squadra anche dopo il pesante svantaggio, è sicuramente la strada giusta per il prosieguo della nostra stagione".