Notizie
Categorie: Dilettanti - Serie D

La Lupa Castelli Romani si muove per gli under: preso Francesco Lucatelli

Il giovane centrocampista, con un passato nelle giovanili della Roma e della Lazio, dopo un anno difficile arriva alla Lupa Castelli Romani per rilanciarsi e dimostrare il proprio valore



A sinistra il dg Rosato, a destra Francesco LucatelliDopo Bendia, un altro giovane centrocampista classe 95 arriva alla corte di mister Gagliarducci. Si tratta di Francesco Maria Lucatelli, promettente giocatore che gli appassionati del calcio giovanile laziale sicuramente ricorderanno. Vedendo giocare quel ragazzino biondo con la maglia giallorossa numero 10 sulle spalle, infatti, in molti parlarono di un futuro erede di Francesco Totti. Che, manco a dirlo, è uno dei modelli del giovane Lucatelli. Il centrocampista capitolino in giallorosso era arrivato quando aveva poco più di dieci anni, e fin da subito si era distinto per il suo fisico importante e per le doti tecniche non comuni. Vice campione d’Italia con i Giovanissimi Nazionali guidati da Vincenzo Montella, Lucatelli si trasferì poi alla Primavera della Lazio, senza però trovare molto spazio: “Alla Roma ho passato tantissimi anni, praticamente sono arrivato in giallorosso quando ero poco più di un ragazzino e ho giocato sempre, facendo tutta la trafila del settore giovanile. Con Montella abbiamo sfiorato il titolo di Campioni d’Italia, perdendo solo in finale contro il Milan, ma devo dire che mi sono tolto tante belle soddisfazioni. Poi sono passato alla Primavera della Lazio, ma ero il più piccolo del gruppo e non ho giocato granché. L’anno scorso, poi, mi ha cercato il Latina, e avrei potuto vivere un anno importante con la Primavera nerazzurra. Purtroppo, però, mi sono rotto il crociato dopo appena due giornate, e sono stato costretto ad un lungo stop forzato”. Anche per questo, Lucatelli si trova ad avere una grande voglia di riscatto, pienamente convinto che non è ancora troppo tardi per realizzare i sogni che, fin da bambino, insegue con un pallone tra i piedi: “Sono molto contento per questa nuova opportunità che mi è stata offerta, anche perché il presidente Virzi e il dg Rosato mi hanno fatto un’ottima impressione e non ho avuto dubbi quando mi è stato proposto questo progetto importante. Sono stato fermo a lungo, e affronto questa nuova sfida con un grande senso di rivalsa. Il calcio è da sempre la mia passione, e non smetto di puntare in alto nonostante l’ultimo anno non sia stato come me lo aspettavo. Questo sarà il mio primo vero campionato tra i grandi, ma sento di essere pronto. Ho recuperato perfettamente dall’infortunio ed è ormai da aprile che mi alleno per ritrovare il perfetto stato di forma”. Centrocampista dai piedi buoni, Lucatelli può giocare davanti alla difesa o sulla trequarti, e la sua versatilità potrà essere utile a mister Gagliarducci. “Con le dovute differenze, diciamo che il giocatore al quale mi ispiro in campo è Pirlo, forse il migliore nel ruolo di regista, anche se il mio calciatore preferito rimane Francesco Totti. Sicuramente non aspiro a paragonarmi a loro, ma nel mio piccolo spero di conquistare la fiducia di Gagliarducci ed essere utile alla squadra durante la stagione. Del mister mi hanno parlato molto bene, so che è un tipo diretto e molto esigente, ma i risultati che ha ottenuto da quando siede in panchina dimostrano che ha delle doti importanti! Io non ho paura delle sfide, e non vedo l’ora di iniziare, perché sono sicuro che potrò ritagliarmi i miei spazi in un gruppo importante come quello della Lupa Castelli Romani”.