Notizie
Categorie: Dilettanti - Serie D

​La Lupa Castelli Romani vola in semifinale: Baylon stende il Matelica

La zampata del capitano in avvio di gara basta alla formazione di Galluzzo per raggiungere le semifinali in cui dovrà vedersela con il Monopoli



LUPA CASTELLI ROMANI - MATELICA 1 - 0
MARCATORI
6’pt Baylon
LUPA CASTELLI ROMANI Tassi 6, Di Nezza 5.5, De Gol 6, Traditi 6.5, Gordini 6, Baylon 6.5 (1’st Colantoni 6), Montesi 6, Barone 6.5, Nohman 6 (9’st Siclari 6), Copponi 5.5 (20’st Fantini 5.5), Khribech 6 PANCHINA Serpietri, D’Orazi, Chiesa, Icardi, Boldrini, Chiassarini ALLENATORE Galluzzo
MATELICA Spitoni 6.5, Ranucci 5.5, Bucciarelli 6, Vitone 5.5, Gilardi 5.5, Ercoli 5.5, Lanzi 5, Moretti sv (23’pt Mandolino 6), Ambrosini 6, Mangiola 5 (28’st Vrioni 5), Iachetta 5.5 (23’st Api 6) PANCHINA Passeri, Girolamini, Lazzone, Scotini, D’Addazio, Cesselon ALLENATORE Gianangeli
ARBITRO Paterna di Teramo 6
ASSISTENTI Cecchi di Pistoia, Mariottini di Arezzo
NOTE Ammoniti De Gol, Nohman, Api, Tassi, Mandolino, Di Nezza Angoli 5 - 4 Rec. 2’pt - 4’st

La Lupa Castelli Romani vola in semifinale. La squadra di Galluzzo grazie al guizzo di Baylon riesce ad avere la meglio del Matelica, superando così l’ostacolo dei quarti di finale. Una partita ben giocata dai padroni di casa soprattutto nel primo tempo, con l’unico rammarico di non esser stati in grado di trovare il secondo gol, lasciando così vive le speranze degli ospiti fino all’ultimo minuto. Un risultato giusto che porterà la Lupa Castelli Romani a giocarsi la semifinale (la gara d’andata si terrà il 25 febbraio, mentre il ritorno è previsto per l’11 marzo) con il Monopoli che si è imposto per 2-0 sul Terracina.

Carlo Baylon ©CORTELLESSAPRIMO TEMPO
Passano appena 5’ e la Lupa Castelli crea la prima occasione pericolosa: cross di Barone per Nohman che di testa gira in porta, ma Spitoni è bravo a deviare in corner. Sul calcio d’angolo seguente arriva il vantaggio dei padroni di casa con Baylon, bravo a ribadire in rete da due passi un pallone vagante al centro dell’area di rigore. Il gol galvanizza i padroni di casa che poco dopo creano un’altra grande occasione con Traditi, ma Spitoni è superlativo e devia in calcio d’angolo la conclusione ravvicinata del numero 4. Dopo l’avvio a spron battuto dei padroni di casa la partita si stabilizza, con la Lupa Castelli che gestisce con discreta semplicità il possesso di palla, non riuscendo però ad impensierire seriamente la retroguardia ospite. Al 37’ arriva la prima conclusione del Matelica, con Bucciarelli che scarica un siluro dalla lunga distanza che però Tassi respinge con i pugni. Passano pochi minuti e la Lupa Castelli ha una colossale occasione per raddoppiare. Sugli sviluppi di un calcio di punizione calciato da Nohman, la sfera arriva a Khribech che salta il portiere ma al momento di calciare, a porta vuota, viene disturbato da Baylon che gli impedisce di depositare il pallone in fondo al sacco. Nel finale di tempo il Matelica riesce ad alzare il proprio baricentro, ma la Lupa si difende con ordine e al termine dei 2’ di recupero il signor Paterna di Teramo manda le squadre all’intervallo sul risultato di 1-0.

SECONDO TEMPO La ripresa tarda ad entrare nel vivo e per assister alla prima azione interessante bisogna attendere il 12’. Barone calcia in porta una punizione dal limite, la barriera respinge ma la sfera torna al numero 8 che scarica un sassata che però Spitoni è bravo a respingere. Il Matelica torna ad affacciarsi dalle parti di Tassi intorno alla mezz’ora con la conclusione dal limite dell’area di Api, che però l’estremo difensore di casa non ha problemi a bloccare in due tempi. Al 34’ la Lupa ha la possibilità di chiudere il match: Montesi entra in area dalla sinistra e scarica a rimorchio per Traditi che però viene disturbato al momento del tiro, non riuscendo ad inquadrare lo specchio della porta. Al 46’ occasione clamorosa per gli ospiti: Ambrosini fa secco Di Nezza e da posizione ravvicinata calcia con il sinistro, ma Tassi è attento e salva il risultato. É l’ultima emozione del match che si chiude al termine di 4’ di recupero, con la Lupa Castelli Romani che può festeggiare con pieno merito il passaggio del turno.