Notizie
Categorie: Lega Pro - Nazionali

La Lupa torna a sorridere: Tajarol stende l'Ischia Isolaverde

La formazione di Cucciari ritrova il successo dopo due ko consecutivi. Contro gli isolani decide una zampata dell'attaccante a sette minuti dallo scadere e i punti in classifica sono venti



LUPA ROMA – ISCHIA ISOLAVERDE            1-0 

MARCATORE 38’st Tajarol (L)

LUPA ROMA Rossini, Pasqualoni, Conson, Cascone, Celli, Raffaello, Capodaglio, Cerrai (26’st Prevete), Mastropietro (6’st Moras), Tajarol, Bariti (1’st Malatesta) PANCHINA Rossi, Martorelli, Faccini, Santarelli ALLENATORE Cucciari 

ISCHIA ISOLAVERDE Giordano, Empereur, Sirignano, Rainone, Finizio, Di Cesare, Iannascoli, De Agostini, Schetter (31’st Bulevardi), Cruz (24’st Maione), Ciotola (10’st Ingretolli) PANCHINA Taglialatela, Florio, D’Amico, Gerevini ALLENATORE Porta

ARBITRO D’Apice di Arezzo Assistenti Saccenti di Modena e Orlando di Empoli 

NOTE Ammoniti Pasqualoni, Cascone, Malatesta, Iannascoli, Di Cesare, Rainone Angoli 4-4 Rec. 1’pt, 4’st.  

Stefano Tajarol © photosportiva.itE alla fine ci pensa Stefano Tajarol. Decisivo al minuto 83. Proprio come il 17 aprile oggi che siamo al 16 novembre. Sono trascorsi 7 mesi da quel successo determinante ottenuto in casa del Cynthia ma sembra passato un attimo quando ad impazzire non è più il Comunale di Genzano ma il Quinto Ricci di Aprilia. La rete, nuovamente fondamentale, regala tre punti pesantissimi alla Lupa Roma che batte 1-0 l’Ischia e sale a quota 20 punti in campionato. L’assist che fu di Capodaglio stavolta lo confeziona Danilo Pasqualoni, difensore classe 1994 che è uno dei prodotti del florido vivaio della Lupa Roma. Giovani talenti crescono e in questo weekend regalano diverse gioie al Presidente Alberto Cerrai con i contemporanei successi di Berretti, Allievi Nazionali, Giovanissimi Regionali Fascia B e Lega Pro.

Ma andiamo con ordine perché i padroni di casa di mister Cucciari, reduci da due sconfitte consecutive, si trovano ad affrontare l’ostacolo Ischia privi degli infortunati Leccese e Testardi con i forfait dell’ultimo minuto di Frabotta e Perrulli. Il modulo, confermato, è il 4-3-3 con il tridente Bariti-Tajarol-Mastropietro e l’ex Cascone a guidare la difesa al fianco di Conson. Gli ospiti, fermi a quota 7 in classifica, hanno disperato bisogno di punti e si presentano al Quinto Ricci di Aprilia con spirito propositivo senza chiudersi nella propria metà campo. La Lupa Roma riesce ad avere predominio territoriale con un maggiore possesso palla che non si tramuta però in occasioni da rete. La prima degna di nota arriva al 18’ con una percussione centrale di Davide Raffaello che, su perfetto velo di un altro prodotto del vivaio della Lupa Roma classe ’93 Lorenzo Cerrai, scarica un gran destro che viene però deviato in calcio d’angolo dall’estremo difensore ospite. Al 34’ errore difensivo dell’Ischia che favorisce il tiro di Paolo Capodaglio che, con il sinistro, sfiora l’incrocio dei pali. I padroni di casa sfiorano ancora il vantaggio al 38’ con un calcio di punizione di Capodaglio che trova il colpo di testa di Cascone ma la conclusione, troppo debole, viene bloccata da Giordano.

Ad inizio ripresa subito un cambio in casa Lupa Roma con l’ingresso di Malatesta al posto di Bariti, uscito per un problema muscolare. L’Ischia si scuote e al 3’ si rende protagonista di un buon tentativo con Ciotola che sfiora il palo alla sinistra di Rossini. Al 6’ Cucciari cambia ancora in attacco e sostituisce il 95’ Mastropietro con il pari età Moras. Al 7’ ottima occasione per la Lupa Roma con un tiro cross di Pasqualoni sul quale si avventa Moras che, da buona posizione, spara alto sopra la traversa. L’Ischia Isolaverde non demorde e al 17’ colpisce una traversa con Cruz Pereira grazie anche al tocco di Rossini che, nella circostanza, è bravo e fortunato; la sfera termina al limite con il destro scagliato da Di Cesare che viene nuovamente respinto da Rossini. L’Ischia Isolaverde cresce alla distanza e si rende ancora una volta pericolosa un minuto più tardi con il destro di Ingretolli che termina alto sopra la traversa. La partita è viva e le occasioni arrivano da una parte e dall’altra: al 24’ grande occasione per la Lupa con Malatesta che, servito da Raffaello, calcia bene di sinistro ma la sua conclusione viene deviata in corner. Al 28’ errore difensivo della Lupa Roma che permette a Maione di involarsi verso la porta avversaria con il numero 18 dell’Ischia che, a tu per tu con Rossini, calcia di poco a lato fallendo una grande opportunità. Al 34’ Lupa Roma pericolosa in avanti: Tajarol è caparbio nel servire Malatesta dalla linea di fondo, pallone dietro per Capodaglio che, di sinistro, mette di poco a lato. Al 35’ occasione clamorosa per l’Ischia con Rainone che, servito in profondità, fallisce un’enorme occasione a tu per tu con Rossini calciando alto dall’interno dell’area di rigore. Le due squadre si avvisano a viso aperto e al 38’ arriva l’episodio che decide il match con la rete di bomber Stefano Tajarol che, su perfetto assist di Pasqualoni, si avvita e di testa realizza la rete dell’1-0. Terzo gol in campionato per l’attaccante della Lupa Roma che raggiunge a quota 3 reti il compagno di squadra Davide Raffaello come miglior marcatore della squadra. Nel finale c’è spazio soltanto per un colpo di testa di Ingretolli che, al 42’, fa correre i brividi alla Lupa Roma con il provvidenziale intervento di testa di Pietro Cascone che allontana sulla linea di porta il pericolo. Si chiude dopo 4 minuti di recupero il match del Quinto Ricci di Aprilia con la Lupa Roma che batte 1-0 l’Ischia Isolaverde portandosi così a quota 20 punti in classifica agganciando il Catanzaro e insinuandosi ad una sola lunghezza dal trio Matera, Foggia e Vigor Lamezia a quota 21. Lo stesso Vigor Lamezia che la Lupa Roma affronterà nella 14^ giornata di campionato cercando di dar seguito ai tre punti ottenuti contro l’Ischia. Un ruolino di marcia invidiabile tra le mura amiche con 5 vittorie e 3 pareggi ottenuti nelle prime 8 gare ufficiali della stagione.