Notizie

La macchina di Santa Rosa sfilerà stasera per le strade di Viterbo

Il nome scelto per questa edizione della sfilata è "Fiore del Cielo"



Image titleOre di febbrile attesa scuotono la città di Viterbo. Momenti attesi tutto l’anno e finalmente arrivati: stasera “Fiore del Cielo”, l’ultimo modello della famosa Macchina di Santa Rosa, tornerà a solcare le strade di una Viterbo deliberatamente lasciata al buio e che sarà rischiarata dalla luce delle fiaccole della stupenda costruzione, messa in movimento dalla devozione e dal perfetto sincronismo dei “facchini di Santa Rosa”. Dopo aver incassato di recente l’inserimento nella lista dei beni vincolati quali “Patrimonio dell’umanità” dall’Unesco, il trasporto della macchina di quest’anno si tinge di novità, non solo per lo storico riconoscimento internazionale ma anche per una storica variazione, che inserisce sul percorso tradizionale anche la via Marconi e porta a sette le soste intermedie, per un evento della durata complessiva di circa un’ora. Il programma per la serata del 3 settembre dunque prevede la partenza della Macchina da Piazza San Sisto (la piazza che si trova una volta entrati entro la cerchia muraria da Porta Romana) alle ore 21:00. Sarà qui che i facchini, coordinati attraverso una serie di manovre ben precise isseranno la macchina sulle proprie spalle e la condurranno a Piazza Fontana Grande, ove avverrà la prima sosta. Da qui si ripartirà per il secondo tratto che sfocerà in Piazza del Plebiscito, luogo della seconda sosta che verrà preceduta dalla “girata”, gesto di saluto che i facchini porgeranno alla santa ed ai numerosi presenti che, in questa serata, accorrono da ogni parte in questa Piazza per accaparrarsi una visuale privilegiata sulla manifestazione. Lasciata Piazza del Plebiscito, il corteo muoverà alla volta di Piazza delle Erbe, dove avverrà la terza sosta, segnando il raggiungimento dell’esatta metà del percorso. Una quarta sosta avverrà davanti la Chiesa del Suffragio e segnerà l’avvio della parte più ardua del percorso, ovvero il tratto di Corso Italia terminante nel luogo della quinta sosta, Piazza Verdi. Una volta arrivati in questo spazio ed effettuata la quinta sosta, avverrà lo storico innesto sul nuovo tratto di percorso, Via Marconi. Una sesta sosta verrà effettuata in prossimità del monumento ai facchini, per poi tornare in Piazza Verdi e realizzare la sesta sosta, dopo la quale i facchini, con l’ausilio di apposite corde, daranno il via al tratto più emozionante della manifestazione: la salita al Santuario di Santa Rosa, fatta di corsa ed ingaggiando una dura lotta contro il forte dislivello della strada che dalla Piazza giunge al sagrato della Basilica. Qui terminerà l’edizione 2014 del trasporto della macchina, ma non i festeggiamenti della Santa, che si protrarranno anche per la successiva giornata di domani, 4 settembre, e per il resto del mese, nell’ambito del cosiddetto “Settembre viterbese”.