Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Nazionali

La maledizione continua: la Futsal Isola ko contro il Salinis

Manca ancora l'appuntamento con la prima vittoria la formazione aeroportuale, sconfitta di misura anche nella trasferta in Puglia



Image titleL’A2 per la Futsal Isola continua a essere amarissima. In Puglia, contro il Salinis primo della classe, arriva la terza sconfitta consecutiva. Stesso copione, stesso finale horror. Isola caparbia, testarda nel mettere i bastoni tra le ruote alla corazzata rosanero, tanti applausi e un pugno di mosche in mano. Va così anche questa volta: il bel gioco non paga. Le pacche sulle spalle si sprecano ma i punti rimangono ancora zero. Stavolta la sfiga cronica ci si mette di punta. Decide un golasso su punizione di Caetano a quattro minuti dal termine dopo un match equilibratissimo e vibrante che si stava avviando sullo zero a zero. Una meledizione.


La partita Sannino deve fare la conta. La Futsal Isola è un bollettino di guerra. Zoppo ed Emer sono squalificati. Arribas rimane a casa con il polpaccio ancora out. Bonanno si fa espellere dopo cinque minuti per una doppia ammonizione esagerata. La rosa è ridotta al lumicino. In porta il solito Patrizi. In campo a girare Milani, Luiz, Lutta, Marchetti e Moreira con Djelveh che entra solo una manciata di minuti. Ospiti con il roster al completo Lopopolo, Angiulli, Perri, Pieiro, Distasio, Lopez, Marzucco, Caetano, D’Ambrosio, Colangelo, Alfaro e Gorgoglione. Il canovaccio stavolta è diverso. Sannino ordina: via il bel gioco, tutti dietro a difendere con ripartenze pronte a far male. La tattica paga. L’Isola si mette dietro, costruisce un fortino e soffre pochissimo. Anzi è lei ad andare vicinissima al vantaggio a metà ripresa: Luiz si libera e lascia partire un missile, Lopopolo tira fuori la pozione magica e s’allunga a più non posso. Il Salinis gira tanto palla ma conclude poco. Patrizi quando è chiamato in causa c’è sempre. Il primo tempo non si schioda. Il secondo idem. La partita è maschia, si ribatte colpo su colpo, si gioca ripartenza su ripartenza. Patrizi fa un paio di miracoloni. Lopopolo lo imita mettendosi di traverso a Milani, Moreira, Lutta e ancora a Luiz. Sembra la classica partita stregata. A quattro dal termine la svolta. Punizione dalla sinistra (fallo abbastanza dubbio), Caetano azzecca il jolly del sabato e la mette dentro. Iella nera. Sannino ci prova con il portiere di movimento, Milani dà l’impressione di metterla dentro ma la palla esce di un millimentro. Marchetti viene steso in area dopo una bella azione ma l’arbitro non vede. La sirena fischia. Salinis uno, Isola zero. Una maledizione.