Notizie
Categorie: Altri sport

La Mtb Santa Marinella di nuovo padrona alla 24 Ore di Roma

​Come un anno fa è stata la domenica del trionfo per la Mtb Santa Marinella-Salese Cycling-Tonica Sport alla 24 Ore di Roma ma soprattutto la consacrazione ai massimi livelli nelle gare endurance



Image titleCome un anno fa è stata la domenica del trionfo per la Mtb Santa Marinella-Salese Cycling-Tonica Sport alla 24 Ore di Roma ma soprattutto la consacrazione ai massimi livelli nelle gare endurance. Un’altra vittoria di prestigio, la terza nelle ultime sei edizioni che è stata frutto dell’impegno,  dell’ottimo carico di lavoro e del rendimento nell’arco del periodo estivo in attesa di chiudere in bellezza la stagione del fuoristrada con il successo finale al circuito nazionale Endurance Tour. Nel rinomato appuntamento capitolino, a fare la parte dei gladiatori sono stati i magnifici otto: il capitano Gianfranco Mariuzzo, Massimo Folcarelli, Giovanni Gatti, Gianni Panzarini, Jeferson Benato, Lucio Casagrande, Lorenzo Pellegrini e Roberto Ambrosi che hanno portato sul gradino più alto del podio la Mtb Santa Marinella-Salese Cycling-Tonica Sport con 106 giri complessivi davanti alla Piesse Cycling Team (105), alla Prd Sport Factory Team (104) e alla Geopietra Zaina (103).  La top formazione santamarinellese è stata prevalentemente al comando della gara tranne alla terza ora per via di un inconveniente tecnico occorso a Folcarelli che ha permesso alla Piesse, alla Prd e alla Geopietra di insidiare per un breve lasso di tempo la leadership di Santa Marinella.  Nonostante il percorso era reso pesante dalle forti piogge di venerdì, prestazione da incorniciare anche per la seconda formazione da otto elementi con Emanuele Zena (capitano), Federico Forti, Armando Mattacchioni, Daniele Tulin, Eros Capati, Micheal Capati, Daniele Panzarini ed Eddy Belleggia che hanno conseguito il quinto posto (103 giri) più l’ottavo ottenuto dal terzo team (97 giri) con Massimo Negossi (capitano), Antonio Romagnolo, Alessandro Costa, Angelo Tisato, Davis Pulita, Stefano Cibelli, Pierluigi Possenti e Marco Becattini. Da registrare il forfait per problemi fisici di Renato Remoli e di un altro protagonista mancato come Morgan Pilley che però hanno dato un contributo determinante assistendo gli altri compagni di squadra rimasti in gara.  Quartetto femminileGiornata di grazia anche per il comparto femminile nel segno di Elisabetta Dani, Antonella Casale, Mariangela Roncacci e Tamara Merolle (reduce dalla 6 ore) che hanno conquistato la vetta più alta con il team da quattro e confermandosi sempre ai vertici delle classifiche femminili dopo il primo posto nel 2012 e nel 2014. Domenica col sorriso per Marco Chiavacci: dopo Val Rendena e Stroncone, è stata sua la 24 Ore capitolina dopo aver percorso 54 giri e 405 chilometri nelle gambe. Chiavacci nello specifico è risultato primo nella over 60, 27° assoluto su 251 classificati tra i solitari, mentre al secondo posto della stessa categoria si è classificato Giuseppe Girardi senza dimenticare un Gianluca Piermattei in gran spolvero con la sesta posizione finale nella fascia 40/49 anni.   La 6 Ore di Roma ha regalato una splendida affermazione al team verde-fluo con un superlativo Lorenzo Borgi, il migliore in assoluto con 23 giri all’attivo e primo della sua categoria. Degni di nota i vari piazzamenti dei solitari santamarinellesi con Salvatore De Angelis (quinto), Mauro De Angelis, Giuseppe Cherubini, Gualtiero Pili e Alessandro Agnitelli e Sandro Costa.  Pioggia, vento, sole, caldo, fatica, sudore, compagnia, sacrificio, gioia, dolore e divertimento: così la Mtb Santa Marinella ha archiviato la sua brillante affermazione in uno degli appuntamenti principali della sua stagione con lo splendido apporto tecnico-logistico messo in campo dalla Protezione Civile di Santa Marinella, presieduta da Mauro Guredda, a mettere nella bacheca dei ricordi un’altra domenica da incorniciare. “È un risultato strabiliante che ci colloca sempre più nell’élite delle gare endurance – afferma il presidente Stefano Carnesecchi -. Un traguardo sicuramente meritato che ripaga l’intera squadra di tutti i sacrifici e degli sforzi affrontati durante queste tre giornate intense tra il divertimento e la tensione della gara. Vorrei ringraziare tutto il pool degli sponsor che credono sempre in noi fino in fondo e sanno come sostenerci”.