Notizie
Categorie: Dilettanti - Promozione

La Perconti è fuori, il Guidonia se la ride

I blaugrana vincono 2-1, ma in virtù del gol realizzato da Pitocchi e dell'1-0 dell'andata, passano i ragazzi di Della Libera



VIGOR PERCONTI – GUIDONIA 2-1 

MARCATORI 3’pt e 19’pt Marini L. (V), 9’st Pitocchi (G)

VIGOR PERCONTI Scalabrin 5.5, Di Paolo 5.5, Pasqui 5.5, Guglielmi 5.5 (36’pt Lisari 5), Perfili 5.5, Borgia 5.5, Cremolini 5.5 (1’st Campanella 5.5), Marini V. 5.5, Caverni 5.5, Di Bari 5.5, Marini L. 6.5 (29’st Rossi 5.5) PANCHINA Corso, Sambruni, Bruno, Perozzi ALLENATORE Bellinati 

GUIDONIA Pagella 6.5, Rausa 6, Marcelli 6, Sabatilli 6, Oliva 6, Pitocchi 6.5, Tiberi 6, Petrocchi 6, Alberghini 6 (1’st Zuffardi 6), Provaroni 6, Sacripanti 6 PANCHINA Rametta, Andreangeli, Bellucci, Mencio, Ongaretto, Cornacchione ALLENATORE Della Libera 

ARBITRO Vallocchia di Rieti 

ASSISTENTI Bianchini e Vanacore di Frosinone 

NOTE Ammoniti Perfili, Di Paolo Angoli 6-4 Fuorigioco 3-3 Rec. 1’pt, 5’st   


©GazzettaRegionaleClamoroso al Vigor Sporting Center. I blaugrana di mister Bellinati non riescono a ribaltare lo 0-1 subito nella gara d’andata e sono costretti a dire addio alla Coppa Italia. Non basta la vittoria per 2-1, perché il gol realizzato da Pitocchi quest’oggi vale doppio e permette alla sua squadra di accedere ai sedicesimi. Ad inizio gara è sembrato mettersi tutto per il verso giusto alla Vigor Perconti, che nel giro di 3’ ha trovato subito il gol del vantaggio firmato da Lorenzo Marini, bravo a sfruttare una situazione di corner per battere Pagella. Al 19’ i padroni di casa trovano anche il gol del raddoppio ancora con Marini, autore di un bellissimo gol dopo lo scambio con Caverni: palla sotto l’incrocio, gol del 2-0 e risultato dell’andata completamente ribaltato. La Vigor Perconti costruisce ancora tante occasioni da rete, ma un attento e bravo Pagella è sempre pronto a dire di no e a respingere i pericoli. Nella ripresa la macchina blaugrana sembra incepparsi e scomporsi e allora il Guidonia è pronto ad approfittarne. Si capisce subito al 3’, quando un gran tiro di Provaroni impegna Scalabrin, che è bravo a toccare quel tanto che basta per deviare la sfera sulla traversa. Dall’altra parte la squadra di Bellinati avrebbe una clamorosa occasione per sentenziare l’avversario, ma Campanella pecca di egoismo preferendo il tiro ad un cross al centro con tre compagni pronti a battere a rete. Occasione fallita da una parte e il Guidonia ne approfitta dall’altra: Pitocchi esplode il destro dal limite dell’area e forse complice una deviazione, il tiro sorprende Scalabrin che è costretto a raccogliere il pallone in fondo al sacco. La Vigor accusa il colpo e va in confusione cercando una reazione di nervi più che di testa. Al 17’ Caverni calcia una bella punizione tagliata verso il centro dell’area e dopo una deviazione la palla colpisce la traversa, ma il gioco era comunque fermo per una segnalazione del guardalinee. L’occasione più clamorosa per acciuffare la qualificazione capita al 36’ sui piedi di Di Bari, ma dopo un bel tocco in area di Rossi, il numero 10 blaugrana perde il tempo per girare a rete e viene murato dalla difesa. Nei minuti che restano i padroni di casa tentano il tutto per tutto, ma il Guidonia respinge benissimo i colpi e al triplice fischio può festeggiare il passaggio del turno nonostante la sconfitta.