Notizie

La Pescatori Ostia vince per la terza volta di fila: il Fregene viene sconfitto per 2-0

Un rigore di Ciccaglia ed il gol di Ferreri nella ripresa regolano l'undici di Delle Fratte



PESCATORI OSTIA 2 

FREGENE                      0 


MARCATORI Ciccaglia 5'pt rig., Ferreri 8'st 


PESCATORI OSTIA Torri (21'st Mascilongo), Gioia, Campo (1'st Petinella), Lumicisi, Ciccagalia (14'st Fonti), Leggeri, Panella (7'st Salaparuta), Spositi, Ferreri (9'st Di Carlo), Floridi (1'st Pignatelli), Capobianchi (38'pt Di Palma) ALLENATORE Novelli 


FREGENE Mirti (1'st Ferrari), Saltoboni, Buffalo (19'st Quaresima), Cadau, Buffone (24'st Stefanucci), Fiorelli, Bricca (19'st Ciatti), Polito (12'st Bevilacqua), Purpi (1'st Englaro), Romano, Rivelli ALLENATORE Delle Fratte


ARBITRO Villani di Ostia 


NOTE Espulsi al 17'st Ciatti (F) per offese all'arbitro Ammoniti Spositi, Capobianchi, Buffalo, Ciatti, Saltoboni Angoli 2-1 Rec 1'pt - 4'st 


Pescatori: 9 punti in tre gareLa Pescatori Ostia chiude alla grande la sua fase a gironi. I gialloverdi, padroni di casa e sostenuti da una gran rappresentanza sulle tribune del Lodovichetti, conquistano la terza vittoria su tre incontri disputati con 7 gol fatti e 3 subiti. Il Fregene, apparso poco lucido e decisamente sotto ritmo, rimane invece fermo a tre punti e si giocherà la qualificazione ai quarti nel match di domani (domenica) contro il Selva dei Pini, che ha pareggiato in un rocambolesco 3-3 contro la Spes Montesacro nel secondo match della giornata di venerdì, quello precedente a questo, in cui il team di Novelli si è meritatamente imposto. E' stata una gara molto spigolosa, con pochi minuti effettivi di calcio giocato, tanti falli, qualche vis à vis decisamente evitabile ed un'interruzione di circa due minuti nel cuore della ripresa, per un po' di trambusto tra tribuna e campo. Intendiamoci, niente di trascendentale, ma sicuramente l'agonismo non è mancato, anzi, ce n'è stato fin troppo. L'arbitro Villani se l'è cavata egregiamente, cercando il buonsenso piuttosto che una pioggia di gialli. Non era facile tenere in pugno la gara, e alla fin dei conti lui ce l'ha fatta. Pronti via e Pescatori in vantaggio. I gialloverdi usufruiscono di un calcio di rigore al 5' che Ciccaglia trasforma magistralmente spiazzando Mirti. La risposta del Fregene è affidata a Rivelli, che prova una percussione sulla sinistra, arriva a tu per tu con Torri,ma gli tira addosso sul momento più bello. Altra grande occasione per i biancorossi al 31', quando sugli sviluppi di una punizione dalla trequarti Bricca colpisce al volo, ma Torri blocca. La ripresa si apre con un altro tentativo di Bricca che, sul secondo palo, riceve dalla sinistra, ma calcia debolmente non trovando lo specchio. Poco dopo, la Pescatori raddoppia. Ferreri si trova tutto solo davanti al portiere biancorosso e, senza troppe difficoltà, spara in fondo alla rete il pallone del 2-0. Il risultato fiacca le resistenze di un Fregene poco grintoso (e rimasto anche in 10 per l'espulsione di Ciatti) e, in una gara molto spezzettata, la Pescatori la conduce in porto a suo favore con due soli brividi finali, quando Mascilongo è costretto a due uscite spericolate ma efficaci, prima sui piedi di Cadau e successivamente di Rivelli. Finisce con la festa gialloverde sotto la tribuna, ora i quarti di finale.