Notizie

La Regione Lazio sostiene il polo archeologico di Cerveteri

Per la creazione di un Visitor Center la giunta ha messo a disposizione 400mila euro che si aggiungono ai circa 1,5 milioni di fondi europei destinati a opere infrastrutturali.



Image titleLa Regione in prima linea per valorizzare il sito archeologico di Cerveteri: un posto meraviglioso, un’altra bellezza del Lazio che renderà ancora più forte il territorio attirando turisti e visitatori.

Ecco in particolare alcuni degli impegni intrapresi dalla Regione. Su tutti spicca il nuovo centro d’accoglienza per i turisti nel polo archeologico. Per realizzare questo Visitor center la Regione ha messo a disposizione 400mila euro che si aggiungono ai circa 1,5 milioni di fondi europei destinati a opere infrastrutturali su questo sito. Quasi 2 milioni di euro in totale per mettere in piena luce questa meraviglia. Tra le altre cose, insieme al Comune, la Regione sta lavorando anche su altri progetti. 

Il sistema delle città d’Etruria del Lazio.  La Regione è al lavoro insieme al comune di Cerveteri  per mettere sempre più in relazione questo sito con una serie di altri poli turistici e culturali. Insieme a Tarquinia e al Castello di Santa Severa  si sta infatti  procedendo  a dar vita a un triangolo dell’Etruria meridionale e a un sistema delle città d’Etruria del Lazio, insieme al Ministero.

Gli altri impegni della Regione per sostenere Cerveteri e il turismo. Dall’impegno per creare un indotto attorno al turismo grazie alle nuove infrastrutture, alle esposizioni, alle teche digitali in 3d  fino alla realizzazione di piattaforme in cui il patrimonio archeologico sia collegato al mare, al divertimento, a eventi culturali, con un legame solido con la terra e i suoi prodotti. Tra le altre cose in questo sito la Regione sta sostenendo anche la digitalizzazione, tramite il progetto "Cerveteri e gli Etruschi" che ha consentito di digitalizzare alcune tombe e le teche del museo, con la collaborazione di Piero Angela.

"E' una giornata importante per il Lazio e per l'Italia, perché  si dimostra quanto le istituzioni possono fare se lavorano unite e con un obiettivo strategico che va in una direzione – lo ha detto il presidente, Nicola Zingaretti, che ha aggiunto: così si dimostra che con la cultura si mangia, si crea buon sviluppo. La vera tragedia dell'Italia e' avere tante meraviglie ma un sistema fragile. Questi tesori vanno tutelati, curati, promossi e fruiti con il rispetto che si deve verso ciò che abbiamo ereditato dal passato"- ha detto ancora Zingaretti.