Notizie
Categorie: Nazionali - Under 15

La Roma di Muzzi cala il poker e vince lo scontro diretto con la Ternana

Gli umbri chiudono in vantaggio il primo tempo grazie a Mazzarani, nella ripresa si scatenano i giallorossi che vanno in gol con Antonelli (doppietta), D'Orazio e Del Signore



8a Giornata
4 - 1

MARCATORI Mazzarani 17’pt (T), Antonelli 6’st e 10’st rig. (R), D’Orazio 24’st (R), Del Signore 27’st (R)

ROMA Pagliarini, Piscitelli, Cervasio, Leonardi (1’st Ambrosecchio), Di Giacomo, Barbarossa, Del Signore, Menon (34’st Borghi), Antonelli (28’st Valentino), Sdaigui, D’Orazio (30’st Spaltro) PANCHINA Zamarion, Nesta, De Angelis, Trasciani, Pezzella ALLENATORE Muzzi

TERNANA Kalbarczyk (33’st Bonaventura sv), Francescangeli, Pecorella (14’st Domiziani), Mignone (33’st Gentileschi), Mazzarani, Caneponi, Cristiano (33’st Fazioli), Gentile, Ferrara (33’st Cuomo), Filipponi, Mennini (33’st Koivide) PANCHINA Pandolfi, Longhi, Rossi, Petroni ALLENATORE Carocci

ARBITRO Abbatangelo di Frosinone

NOTE Ammoniti Cristiano e Menon Angoli 4-3 Rec. 1’pt e 2’st


L'esultanza della Roma dopo il gol di D'Orazio foto©GazzettaRegionaleVittoria schiacciante in rimonta per la capolista del girone F del campionato Giovanissimi Nazionali, che nello scontro al vertice con la Ternana riesce ad imporsi 4-1 grazie ad un grande secondo tempo. A partire meglio infatti sono gli ospiti che fin dai primi minuti della gara prendono in mano il gioco chiudendo la Roma nella propria metà campo, un atteggiamento vincente che dimostra come gli umbri non siano per caso nei piani alti della classifica. L’undici di Muzzi invece scende in campo senza quella fame che ha contraddistinto finora il cammino giallorosso e anche le ripartenze più semplici o le azioni più vantaggiose vengono sprecate senza precisione e frettolosamente. Se la Roma sta a guardare, la Ternana invece fa sul serio e al primo corner ottenuto passa in vantaggio: cross dalla bandierina di capitan Filipponi, in area svetta Mazzarani che infila il portiere locale Pagliarini. Il vantaggio carica la compagine umbra che non lascia alcuno spazio agli avversari, tenendo salde le redini del match. L’unico acuto dei padroni di casa arriva al 29’pt: cross dalla sinistra di Cervasio per Sdaigui che prova a sorprendere Kalbarczyk di testa, il portiere devia sopra la traversa. 


La rimonta. Il primo tempo scivola via senza altre emozioni, nella ripresa però la musica cambia radicalmente con la Roma che rientra in campo con la ferma intenzione di ribaltare il risultato. Sin da subito è infatti la formazione di Muzzi ad reggere il pallino del gioco e dopo sei minuti arriva il pareggio: Del Signore se ne va sulla sinistra, palla rasoterra in mezzo, Kalbarczyk esce ma non trattiene, Antonelli si avventa sulla sfera e spara in porta per l’1-1. La Ternana è tramortita e quattro minuti dopo va sotto: D’Orazio viene steso in area e per l’arbitro Abbatangelo non ci sono dubbi, è rigore. Dagli undici metri Antonelli non sbaglia spiazzando il portiere con una conclusione imparabile. Gli umbri accusano il colpo e la Roma diventa ancor più pressante. Al 12’st sulla trequarti avversaria Antonelli ruba palla a Pecorella, il suo sinistro immediato viene però bloccato facilmente da Kalbarczyk. Due giri di lancette e i giallorossi sfiorano il gol con Del Signore, l’esterno è bravo a bruciare Kalbarczyk e Caneponi, ma, defilato sulla destra e a porta ormai sguarnita, calcia sorprendentemente a lato. La squadra di Carocci non riesce a reagire e i padroni di casa sfiorano il terzo gol ancora con Antonelli, il suo sinistro dal limite dell’area passa a pochi centimetri dalla traversa.


Il finale. Negli ultimi dieci minuti la Roma trova la forza di chiudere definitivamente la contesa. Al 24’st è una punizione calibrata di D’Orazio ad infilarsi nell’angolino basso e a portare la capolista sul 3-1; tre minuti dopo bellissima azione dei giallorossi: velo di Antonelli per Del Signore che torna immediatamente dal compagno, il numero 9 davanti al portiere serve nuovamente l’esterno che senza problemi insacca alle spalle di Kalbarczyk. Finisce 4-1 con la Roma che consolida il primato allungando sulla Ternana, per gli umbri si rafforza la consapevolezza di non essere solo una sorpresa ma di potersi giocare le proprie carte con qualsiasi avversario.