Notizie

La Roma suona la nona sinfonia, col Tor di Quinto ci pensano Riccardi e Bouah

A Trigoria i giallorossi colgono i tre punti solo nel finale. I ragazzi di D'Andrea avevano creato tanto, ma fino a 5' dalla fine reggeva il fortino degli ospiti



9a Giornata - 29 nov 2014
2 - 0

MARCATORI Riccardi 30’st rig. (R),Bouah 31’st (R)
ROMA Giuliani 6, Carruolo 6 (11’stParodi 6), Coccia 6,5, Santese 6, Iannoni 5,5 (1’st Cataldi 6), Laurenzi 6 (25’stDel Prete sv.), Silipo 5 (1’ST Bouah 6,5), Simonetti 6 (20’st Di Bartolomeo 6),Barbarossa 6, Riccardi 7, Ciotti 6 (11’st Meo 6) PANCHINA Mannella ALLENATORED’Andrea
TOR DI QUINTO Allocca 6,5, Meluzio 5,5,Celesti 6, Luciani 6, Furia 5,5, Fabiano 6, Franco 5 (25’st Ciorciolini sv.),Zorli 5, Spizuoco 5,5 (30’st Intini sv.), Marcello 5,5, Testa 5,5 (33’ptClementi sv.) PANCHINA Palombelli,Alberto, Calcaterra, Belletti ALLENATORESchiavi
ARBITRO Messi di Albano Laziale, 6
NOTE Angoli 8-1. Rec. 1’pt – 1’st.

La Roma di D’Andrea centra la nona vittoria consecutiva, nel match casalingo contro il Tor diQuinto. Il successo è del club di Trigoria è arrivato però solo nel finale di una partita dominata dai beniamini di casa, che però non riuscivano ad andare a segno, contro un Tor di Quinto le cui barricate stavano reggendo. Alla fine la perseveranza dei giallorossi è stata premiata, e ne ha fatto le spese la compagine ospite, che ha iniziato entrambi i tempi con personalità, salvo poi lasciarsi intimidire dalla Roma, quasi mai messa in difficoltà.

Il riscaldamento dei giallorossiLa gara comincia su ritmi bassi, e con una Roma che appare un po’ più imballata del solito, al contrario del Tor di Quinto, che invece sembra dinamico ed in partita. Nel primo quarto d’ora non si registra nulla di interessante, è comunque la Roma a fare la partita, amministrando il possesso palla, con il Tor di Quinto attento a non scoprirsi dietro e pronto a colpire in contropiede. Poco prima del 20’ guizzo di Riccardi, che si libera bene sulla trequarti avversaria ma calcia alto, poi al 23’ arriva il primo vero brivido del match, sempre di marca giallorosso: Ciotti scappa in velocità sulla corsia laterale sinistra, Coccia sovrappone e riceve lo scarico, servendo poi nuovamente a centro area Ciotti, il quale conclude col mancino, trovando la pronta reazione di Allocca in tuffo. La Roma prende coraggio e comincia a carburare, lo si nota anche dal fatto che il Tor di Quinto perde l’iniziale intraprendenza: verso la mezz’ora Riccardi e Barbarossa si fanno notare con due conclusioni da fuori area, mentre al 33’ Allocca si supera su un altro tentativo in area di Barbarossa. Il primo tempo si chiude quindi a reti inviolate, ma con una Roma più pericolosa, a dispetto di un Tor di Quinto leggermente intimidito.

Il saluto delle squadre a centrocampoNella seconda frazione gli ospiti iniziano coraggiosi come nella prima, sfiorando il vantaggio al 3’: sugli sviluppi di un corner, la difesa giallorossa allontana sui piedi di Fabiano, il quale calcia di prima intenzione alzando di poco sulla traversa. La risposta dei padroni di casa non si fa attendere e corrisponde con la conseguente girata mancina di Ciotti, fuori bersaglio, poi a seguire sono Coccia e Riccardi, i più propositivi, a tentare la soluzione vincente dal limite, mancando di poco la realizzazione. Il Tor di Quinto soffre la spinta offensiva della Roma, che però manca di precisione e cattiveria sottoporta, portandosi spesso in area avversaria, non riuscendo tuttavia a gonfiare la rete. Al 20’ ancora padroni di casa vicini al gol, con la conclusione alta di Santese sugli sviluppi di un corner, poi al 20’ Allocca risponde presente sull’insidiosa punizione di Riccardi, mentre poco dopo è pregevole l’azione personale di Meo, che però calcia alto defilato sulla destra. Finalmente alla mezz’ora la Roma rompe l’equilibro, trovando il meritato vantaggio, che arriva grazie ad un rigore non lampante ma comunque fischiabile. Di Bartolomeo lavora una gran palla in area e viene atterrato da Meluzio: sul dischetto si presenta Riccardi che trasforma di piatto con freddezza. Il Tor di Quinto accusa il colpo, così non passa neanche un minuto che la Roma raddoppia, merito della prodezza dalla distanza di Bouah.  Sono questi i due sigilli che chiudono la partita, che al triplice fischio termina così 2-0.