Notizie
Categorie: Altri sport

La Roma Vis Nova cade anche a Como: salvarsi sarà dura

I leoni giallorossi vengono sconfitti di misura dai lariani. Ciocchetti:"Dobbiamo crederci fino alla fine"



COMO NUOTO - ROMA VIS NOVA 9-8  

COMO NUOTO Oliva P. , Foti F. , Krizman Ivan 1, Susak S. , Busilacchi T. 2, Ferraris J. , Milakovic K. 3(2 rig.), Jelaka Marko 1, Pellegatta J. , Pagani E. , Gaffuri F. 1, Cesini D. 1, Garancini L. ALLENATORE Stritof Ratko 

ROMA VIS NOVA Bonito M. , Pappacena S. 2(1 rig.), Murro D. 1, Mirarchi C. 3, Banovac I. , Parisi M. 1, Spinelli A. 1, Innocenzi C. , Vitola F. , Rigo M. , Reynolds Lucas , Cuccovillo N. , Nicosia G. ALLENATORE Ciocchetti 

ARBITRI Gomez e Calabro

NOTE Parziali (3-2, 3-1, 1-2, 2-3) Uscito per limite di falli Pagani (C) nel terzo tempo Espulso per proteste Rigo (R) nel terzo tempo Superiorità numeriche Como 1/9 + 2 rigori, Roma Vis Nova 5/13 + 1 rigore Spettatori 700 circa


Davide Murro (Roma Vis Nova)La Roma Vis Nova cade anche a Como. Con il finale di 9-8 la squadra lariana di Ratko Stritof punisce i capitolini nelle ultime battute del match e guadagna 3 punti salvezza pesantissimi nell’anticipo dellatredicesima giornata di A1 maschile. Contrariamente alle prestazioni in crescendo delle ultime uscite, la formazione giallorossa è sembrata distante dalle incoraggianti indicazioni lasciate soprattutto Sabato scorso contro l’Acquachiara, troppo discontinua, poche fiammate e tanti errori, soprattutto con l’uomo in più (5/13): 3-2, 3-1, 1-2 e 2-3 i parziali coi quali il sette lombardo si è imposto sulla Vis, che resta penultima a 6 punti e ora vede ulteriormente ridotte le possibilità di centrare la permanenza nella massima serie. 


La gara I padroni di casa partono fortissimo e nel giro di un minuto e mezzo piazzano un uno-due al fulmicotone, prima con un tiro quasi da metà vasca di Milakovic che buca Bonito (1-0) e poi con un’azione volante finalizzata da Busilacchi. Poco dopo Mirarchi, ancora lui, accorcia in superiorità numerica da zona 5  per il 2-1. La Vis riesce a ricucire lo strappo iniziale quando ancora Mirarchi guadagna un rigore, che Pappacena realizza per il 2-2. Innocenzi colpisce l’incrocio dei pali, sulla contro risposta dei lariano Krizman nell’ ultimo minuto di gioco riporta avanti i suoi con un bel tiro in diagonale, il primo parziale si chiude sul 3-2 per il Como. Nel secondo tempo aprono i capitolini con Parisi che chiude bene una superiorità numerica, 1-0 e 3-3. I leoni sono imprecisi, la squadra di Stritof serve l’affondo con 3 reti consecutive: Milakovic realizza su rigore l’1-1 (4-3), Gaffuri segna in superiorità (2-1, 5-3) e Jelaca in controfuga fa 3-1 che vale il 6-3 all’aggregate. Cambio lato. Tre minuti senza reti. Per il Como Pagani out per limite di falli. La Vis accorcia con Spinelli su assist di Murro (0-1 e 6-4). Poco dopo Rigo rimedia un rosso per proteste e finisce anche lui la partita anzitempo. La Roma insiste e trova il 6-5 in controfuga grazie a Murro che buca Oliva. I lombardi si risvegliano: Busilacchi conquista un altro rigore e Milakovic spiazza Bonito, 1-2 e 7-5. Prima dell’ ultimo quarto i dati delle superiorità della Vis sono impietosi: 3 su 10, male. L’ultimo quarto si apre con il Como che torna nuovamente a +3 grazie a Gaffuri che realizza su assist di Busilacchi: 1-0 e 8-5. Dopo il primo minuto e mezzo i leoni hanno una fiammata d’orgoglio e riagguantano clamorosamente il pari: Mirarchi è incontenibile e buca la porta comasca per 2 volte (0-2, 8-7), il pari è di Pappacena a meno di 3 minuti dal termine del match. 0-3 e 8-8. Padroni di casa in affanno, ai giallorossi capitano addirittura 2 opportunità per portarsi in vantaggio ma vengono sprecate malamente. E’ Cesini a punire i leoni a 1’ e 40” dal termine, 2-3 e 9-8. Finisce così. 


Dichiarazioni Le dichiarazioni di Cristiano Ciocchetti al termine del match: “Complimenti al Como, che ha meritato la vittoria. Noi abbiamo commesso troppi errori, entrando in partita solo nell’ultimo tempo. Abbiamo giocato 3 minuti dell’ ultimo tempo, partite tirate come queste si decidono soprattutto sulla superiorità numerica e anche oggi abbiamo fallito troppe occasioni. Avevo detto ai ragazzi di non subire il loro ritmo, perche loro sono più pesanti di noi, di nuotare molto e aumentare l’intensità di gioco: quando lo abbiamo fatto il Como in effetti è andato in difficoltà, ma poi siamo calati in alcune fasi della partita e loro ci hanno punito. Ora dobbiamo andare avanti e credere ancora nella salvezza, fino alla fine”.