Notizie
Categorie: Giovanili - Giovanissimi

La Romulea di Belardo vince subito: sconfitto il San Donato Pontino

Dopo l'addio di Superchi, gli amaranto oro vincono subito con l'ex Savio in panchina. Un successo sofferto, con le due reti che arrivano solo nel finale di gara



ROMULEA – SAN DONATO PONTINO             2-0 

MARCATORI Menniti 29' st, Inglese 35' st 

ROMULEA Briganti, Ferretti (8' st Galli), Iacob (3' st Cecere), Lanciani, Vitiello, Pinca (14' st Pacioni), Menniti, Bancone (10' st Inglese), Capri (16' st Belardo), Falanga, Gigantiello (7' st Petrarchi) PANCHINA Pocci ALLENATORE Belardo 

SAN DONATO PONTINO Mazzi, Carchitto, Parisella, Tito, Improta, Guglietta, Gismundo (1' st Russo), Gucciardi, Troisi, Iannone (15' st Di Ronza), Cangianello PANCHINA Di Biasio, Tafuri, Duri, Maddaloni, Rizzi ALLENATORE Cacciapuoti 

ARBITRO Lepore di Ciampino 

NOTE Angoli 6-4 Fuorigioco 3-1 Rec. 0' pt, 3' st

La Romulea ritrova il sorriso con Belardo © photosportroma.itLa Romulea riparte da Roberto Belardo. Dopo il cambio tecnico in panchina, la società di via Farsalo ritrova il sorriso con l'ex Savio alla guida. Una vittoria meritata, ma sofferta, con il san Donato che è riuscito a tenere in equilibrio il risultato fino a sei minuti dal termine con una grande prova d'orgoglio, ma il pareggio sarebbe stato un risultato troppo stretto per i padroni di casa.

L'undici del campo Roma parte forte e già al 3' Ferretti sfonda sulla destra e crossa in mezzo, dove Falanga non riesce a trovare l'impatto giusto con la sfera, che termina alta. La formazione scelta da Belardo macina gioco e all'11' si fa di nuovo pericolosa. Gigantiello recupera il pallone al limite dell'area, ma non trova lo specchio con il destro. Solamente un minuto dopo, sugli sviluppi di un corner calciato da Menniti, è Vitiello a saltare più in alto di tutti, ma il pallone è di nuovo out. Il primo squillo ospite al quarto d'ora, con Gancianiello che ci prova dai sedici metri, ma Briganti è attento e blocca in presa bassa senza problemi. L'azione dà coraggio ai ragazzi di Cacciapuoti, con Cangianiello nuovamente protagonista al 22', quando si impadronisce del pallone sulla tre quarti, salta secco un difensore avversario, ma la sua conclusione non è abbastanza angolata e Briganti para ancora. L'ultima azione degna di nota della frazione intorno alla mezz'ora ed è marchiata amaranto oro. Cross dalla tre quarti di Gigantiello con Menniti che tenta la girata, ma senza fortuna.

Nel secondo tempo la Romulea si riversa subito in avanti alla ricerca del vantaggio e al 6' crea una buona chance. Punizione dal limite destro dell'area di Cecere, che tenta di sorprendere Mazzi sul primo palo, ma il numero uno non si fa cogliere impreparato. Solamente due minuti dopo Falanga trova lo spazio sulla sinistra, inserimento di Vitiello che di testa sbaglia un'ottima occasione. Il forcing dell'undici di Belardo non cessa e al 19' tocca al neo entrato Inglese inventare, ma Mazzi si fa trovare attento e anticipa gli attaccanti avversari in uscita bassa. Il San Donato sembra alle corde, al 23' è di nuovo Falanga a ispirare, lancio per Petrarchi che calcia in corsa verso il primo palo, ma Mazzi risponde ancora presente, venendo graziato pochi istanti dopo da Menniti, che a tu per tu spreca clamorosamente. Il numero sette, però, si fa perdonare a sei minuti dal termine sbloccando il match. Punizione a giro sul secondo palo che stavolta Mazzi non può nulla e gioia liberatoria in campo. Il San Donato prova a reagire, ma la Romulea dimostra di poter contare anche un grande portiere. Briganti, infatti, salva il risultato su una grande conclusione di Troisi. Con gli ospiti sbilanciati arriva il colpo del ko: Inglese si porta sul fondo e mette in mezzo, ne nasce una traiettoria imprendibile per Mazzi. Gara chiusa e la Romulea riparte sotto il segno di Belardo.