Notizie
Categorie: Giovanili - Juniores

La Tor Tre Teste ora è da sola: Grifone ko in casa

La formazione di Fabi vince al Villa dei Massimi e si porta al comando del girone



11a Giornata
3 - 4

MARCATORI Di Maggio 9' e 31'pt (G), Palmieri 29'pt (T), Montaldi 36'pt (T), Lorusso 45'pt rig.e 5'st (T), Bonotti 23'st (G) 

GRIFONE MONTEVERDE Carloni 6, Buccioni 5.5 (40'st Loi sv), Agnoli 6 (40'st Faragalli sv), Bianchi 6 (38'st Fogli sv), Ignazzitto 5.5, Mezzetti 5.5, Sette 5 (6'st Bonotti 6.5), Di Maggio 7, Quattrini 5.5, Anello 5.5 (6'st Franzé 6), Corrias 6 PANCHINA Berti, Papavero ALLENATORE Radi 

TOR TRE TESTE Santesarti 6, Tiraferri 6, Gallo 6, Palmieri 6.5, Tamburlani 6, Federico 6, Milano 5.5, Puca 5.5, Petrich 5.5 (30'st Arcano sv), Lorusso 7, Montaldi 6.5 (21'st Mele 6) PANCHINA Ferendeles, Vassalli, Faletra, De Dominicis, Ranni ALLENATORE Fabi 

ARBITRO Cacciotti di Albano, 5 

NOTE Espulsi al 47'st Di Maggio (G) per proteste Ammoniti Carloni, Bianchi, Corrias, Bonotti, Federico, Palmieri Angoli 1-6 Rec 1'pt – 5'st Fuorigioco 2-0 


Nell'esame più duro della stagione fin qui vissuta, il Grifone Monteverde stecca, la Tor Tre Teste si prende il primato. Non basta ai ragazzi di Radi passare due volte in vantaggio, e non basta neanche il forcing finale per frenare la corsa al primato in solitaria della formazione di via Candiani. Nel mezzo, un bel po' di proteste arbitrali, qualche errore di troppo ed un gioco scarsamente fluido, sia da una parte che dall'altra. 


Tor Tre Teste, ora prima da solaPoche occasioni, ma buone Il Grifone passa quasi immediatamente in vantaggio con una perla di Di Maggio. Il regista locale scaraventa un destro fulminante all'incrocio dei pali che vale l'1-0. Senza altri sussulti si arriva direttamente al 29' quando sugli sviluppi di un calcio d'angolo battuto da sinistra da Federico, Palmieri stacca imperiosamente sul primo palo ed infila la palla sotto la traversa. La gioia per il pareggio dura però appena due minuti, perché al 31' Di Maggio si incarica di una punizione dalla media distanza: la palla sbatte sulla barriera ed inganna Santesarti, proteso verso il palo di sinistra, spiazzandolo. 2-1. La risposta ospite arriva cinque minuti più tardi, ad opera di Montaldi, che sfonda sul lato di destra, si presenta solo davanti a Carloni e lo batte con un destro potente che gli passa sotto le gambe, 2-2. Raggiunto di nuovo il pareggio la Tor Tre Teste preme un po' di più sull'acceleratore e, nel giro degli ultimi tre minuti del primo tempo, fa volgere il risultato a suo favore. Al 42' ci vuole tutta la bravura di Carloni in uscita bassa per respingere il tentativo di Lorusso, trovato libero con un traversone da destra verso sinistra da Gallo: il numero 10 controlla perfettamente, ma poi in corsa trova solo la respinta del portiere di casa. Un minuto dopo Petrich colpisce di testa la traversa da pochi passi e, passati altri sessanta secondi, arriva l'episodio che cambia il match. Cacciotti decreta un calcio di rigore alla Tor Tre Teste sugli sviluppi di un tiro dalla distanza, col pallone che sbatte, a dire del direttore di gara, in maniera fallosa sul braccio di un giocatore del Grifone. I dubbi sono davvero grandi, ma dal dischetto non ne ha nessuno Lorusso che mette dentro il gol del sorpasso. 


Secondo tempo Quinto minuto: lungo linea di Gallo per Lorusso, che approfitta della dormita di Buccioni e Mezzetti, si presenta tutto solo davanti a Carloni e mette dentro il poker della Tor Tre Teste. Inizio shock per il Grifone che ci mette un po' ad assorbire il colpo, favorendo il gioco della Tor Tre Teste, abilissima quando vuole abbassare il ritmo e proteggere il risultato. Fabi sceglie, addirittura, di togliere una punta, Montaldi, ed inserire un altro difensore, Mele, che ha però la sfortuna due minuti dopo il suo ingresso in campo (21') di trovarsi sulla battuta a rete di Bonotti che firma quindi il gol del 3-4 che riapre la sfida. Il Grifone però non riesce a pungere realmente e si fa vedere con pericolosità, in pratica, solamente alla mezz'ora con una punizione di Di Maggio respinta al centro dalla porta con i pugni da Santesarti. Da qui in avanti la formazione di Radi continua ad attaccare, ma in maniera troppo disordinata, e così si arriva nel recupero quando Federico con una fiondata da 25 metri centra in pieno la traversa e, pochi secondi dopo, Lorusso non riesce a piazzare il pokerissimo e la tripletta personale calciando alto a pochi passi dalla porta. Poco importa, i tre punti arrivano lo stesso, così come il primato del girone A in solitaria.