Notizie
Categorie: Dilettanti - Eccellenza

Ladispoli, amareggiato il ds Nista: "Assurdi 6' di recupero"

Il dirigente rossoblu sul pareggio subìto in extremis contro il Città di Fiumicino: "Inspiegabile dare così tanti minuti, in più sul gol del 2-2 c'era fuorigioco"



Claudio Solimina e Paolo NistaAmareggiato, non tanto per il risultato, quanto per il modo in cui è maturato, il ds del Ladispoli, Paolo Nista. Nel big match di ieri del Martini Marescotti con lo Sporting Città di Fiumicino, i rossoblu hanno subìto il definitivo 2-2 al 5' di un recupero giudicato eccessivo. “E' stata una bella partita – commenta il direttore sportivo – tra due squadre che hanno dimostrato di avere un organico di grande spessore per la categoria. Ai punti forse meritavamo noi, perché abbiamo avuto le occasioni più nitide, anche se il Città di Fiumicino nella ripresa ha avuto maggiore possesso palla. Il risultato può anche essere giusto, ma i 6 minuti di recupero concessi dal direttore di gara non hanno senso: potevano essere 3 o al massimo 4. Ci sono stati solo 5 cambi e nessuna perdita di tempo da parte delle due squadre. Eravamo sul pareggio e abbiamo segnato al 40' della ripresa, che senso avrebbe avuto? Inoltre, come dimostrano le immagini in possesso della società (che possono essere visionate in basso), il gol di Nanni era viziato da un fuorigioco di Maccaroni, che era sulla traiettoria della conclusione e abbassa addirittura la testa”. Sulla prima parte di stagione: “Siamo soddisfatti, purtroppo abbiamo perso due partite che non dovevamo sbagliare, contro Boreale e Pro Calcio Tor Sapienza, in cui probabilmente abbiamo approcciato male la gara”. Sul mercato non si sbilancia: “Vediamo se da qui a giovedì faremo qualcosa, per ora abbiamo fatto solo un movimento in uscita lasciando partire Empoli perché ci ha chiesto di andare via e non tratteniamo nessuno controvoglia”. Infine un commento sulle dirette concorrenti: “Nuova Monterosi, Città di Fiumicino e CreCas sono le migliori. Riguardo quest'ultima sapevamo che con l'arrivo di Baiocco, che è un allenatore bravissimo, avrebbero risalito la china”.