Notizie
Categorie: Dilettanti - Eccellenza

Ladispoli, Umberto Paris risponde al ds Pieroncini

Il presidente rossoblu replica al dirigente del La Sabina: "I cori razzisti? li ha sentiti solo lui. Alcune persone non sanno vincere ed hanno soltanto una grandissima voglia di polemizzare"



Umberto ParisIn merito alle dichiarazioni del Ds de La Sabina, il Presidente del Ladispoli, Umberto Paris, risponde: “Trovo le parole del Sig. Pieroncini confuse e privedi significato. Ho sentito e risentito più volte le dichiarazioni di mister Claudio Solimina che trovo lucide e rispondenti  a verità senza alcun riferimento malizioso o offensivo nei riguardi di nessuno. Il sig. Pieroncini continua a prendere in esame i due calci di rigore (dei quali uno probabilmente non c'era)  ma non si è accorto che sul risultato di 0-1 non ci è stato assegnato il rigore più solare della giornata che evidentemente poteva cambiare le sorti della partita per un evidente fallo sul nostro '98 Di Paolo.  Se poi vogliamo parlare di rispetto forse è il caso di guardare in casa propria viste le continue perdite di tempo, con i loro calciatori sempre a terra, e soprattutto dopo l'ennesimo fallo su Di Paolo con il ragazzo dolorante a terra hanno continuato l'azione per concludere in porta senza permettere ai sanitari di soccorrere il ragazzo, e visti i continui insulti e sbeffeggiamenti in campo verso i nostri ragazzi per l'intero arco della partita. Per quanto riguarda i presunti cori razzisti che soltanto lui ha sentito trovo deplorevole che ci siano giornalisti che gli danno spazio e riportano dichiarazioni cosi gravi senza neanche verificare o quantomeno senza ascoltare chi al campo c'era e chi come me (e sono centinaia di persone) non ha sentito nulla! Ed è quantomeno curioso che tali dichiarazioni vengano rilasciate proprio alla vigilia del comunicato LND soltanto per far prendere una multa ad una Società che ha fatto dell'integrazione razziale un proprio vanto. Inoltre lo stesso Pieroncini continua a fare ironia sui rimborsi percepiti dai nostri calciatori dimostrando la poca serenità e la voglia di polemizzare ad ogni costo. Io concedo i rimborsi che credo giusti e soprattutto al contrario di tanti altri li pago regoralmente e soprattutto non vado dai miei calciatori dopo due partite di campionato a comunicare un taglio ai rimborsi con le scuse più variegate. La mia conclusione è che alcune persone non sanno vincere ed hanno soltanto una grandissima voglia di polemizzare ad ogni costo senza neanche provare il gusto di godersi una splendida vittoria meritata sul campo.    

Il presidente Umberto Paris