Notizie
Categorie: Dilettanti - Eccellenza

Lariano, è caos: i giocatori non scenderanno in campo?

I calciatori lamentano il mancato pagamento dei rimborsi, la risposta del presidente Pinci: "Devono avere pazienza, ma non vogliono capire"



I presidenti Pinci e Di GiacomantonioLa notizia circolava già dalla settimana scorsa, ma adesso il caso è esploso, come già capitato, a Lariano: i giocatori, che non hanno percepito ancora i rimborsi dovuti, non scenderanno in campo né si alleneranno fino a quando il club non risolverà la situazione, come annunciato sul sito de “Il Messaggero”. Quindi nella gara di Coppa di oggi con il Colleferro possibile venga schierata la Juniores. La risposta del presidente Roberto Pinci non si è fatta attendere: “E' vero, abbiamo un mese di ritardo sul rimborso dovuto e mi dispiace. Tante squadre, anche nella passata stagione, non hanno pagato, ma questo non viene sottolineato. Le spese sono tante e non è facile sostenerle ma qui, a differenza di altre piazze, seppur in ritardo abbiamo sempre pagato le pendenze. Evidentemente i giocatori non lo capiscono: come gli avevo comunicato a breve dovrebbe entrare uno sponsor importante, che ci permetterà di regolare tutto. Non hanno avuto pazienza e scelto di fare a braccio di ferro? Peggio per loro. Vedrò se deferirli e farli squalificare. Non avrò problemi a sostituirli. Tra l'altro, con la classifica che abbiamo, potevano risparmiarselo”. E' vero che questa situazione non riguarda solo il Lariano, ma purtroppo è molto diffusa. Il discorso, da parte nostra, è sempre lo stesso: sicuramente non è facile in un momento come questo essere puntuali nei pagamenti, ma da qui, a far passare i giocatori come capricciosi, ce ne passa. Gli allenamenti e gli impegni sono tanti, decisamente troppi per una categoria dilettantistica, ma questa è altra storia. Resta però che nessun giocatore punta la pistola alla tempia dei presidenti in sede di contrattazione dei rimborsi e quando si prendono impegni nella vita è giusto rispettarli. In pochissimi lo fanno, ma questo non può e non deve essere una scusante.