Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Nazionali

Lazio a Pescara, Escosteguy: ''Rispetto, si ma nessuna paura''

La formazione di mister Mannino si prepara alla trasferta abruzzese in casa dei campioni d'Italia



Rodrigo EscosteguyLa squadra biancoceleste si prepara per la dura trasferta in casa della squadra campione d'Italia in carica. Si gioca al PalaRigopiano sabato sera alle ore 19, Mannino non avrà Juninho a disposizione in quanto squalificato, ma è pronto a far esordire Patrizi e Sachet.

Si torna a giocare, ad un paio di settimane dalla vittoriosa trasferta di Ferrara ed esattamente tre mesi dopo l'esordio in campionato. La prima giornata della Serie A 2015/2016 metteva di fronte la Lazio e il Pescara neo-campione d'Italia, era il 19 settembre e al PalaGems finì 1-2, primo segnale di un percorso che ha portato sin qui la Lazio a stupire tutti gli addetti ai lavori. Novantuno giorni dopo le due squadre saranno ancora l'una di fronte all'altra. “Sarà una partita molto fisica – commenta Rodrigo Escosteguy -. Il Pescara ha rotazioni profonde, una fase difensiva con una marcatura a uomo a tutto campo e per questo dovremo arrivare al massimo sul piano fisico e mentale. Sarà una partita lunga e ce la giocheremo come abbiamo sempre fatto, su ogni campo: rispetto per tutti, paura di nessuno. Sappiamo di giocare contro una grandissima squadra, ma abbiamo dimostrato di poter combattere ad armi pari anche con le grandi”.

Rispetto alla prima giornata di campionato sarà una Lazio diversa, Escosteguy ne è convinto: “Certamente con più esperienza. In questo girone di ritorno proveremo a fare più punti possibili: in campo lasciamo il cuore su ogni pallone e i risultati sono arrivati. Credo che questa sia la strada giusta: lavorando così arriveranno le soddisfazioni”. Soddisfazioni che l'argentino, arrivato in Italia ai tempi de L'Acquedotto, cerca anche a livello personale dopo qualche acciacco fisico di troppo: “Ho avuto un problema al tallone, ma ora sto ritrovando fiato. Voglio dare una mano alla squadra, per continuare a lottare per la salvezza, trovando magari un po' di continuità”. Dopo il Pescara la Lazio sarà chiamata al doppio scontro diretto con Luparense e Napoli: “Non ci faremo distrarre da questo pensiero. Scenderemo in campo con la stessa voglia di sempre, magari avendo un occhio di riguardo per quei giocatori che sono in diffida”.