Notizie

Lazio, ci siamo: stasera contro il Torino per la Supercoppa

Tutto pronto per la grande sfida del Comunale tra granata e biancocelesti: la presentazione del match e le probabili formazioni



La Lazio cerca la sua seconda Supercoppa Primavera ©Gazzetta Regionale“Delle finali ci si ricorda solo di chi li vince” Queste le parole di Lorenzo Silvagni all’ex compagno Alessandro Murgia. Una frase ormai stereotipata ma quanto mai vera quella espressa dal centrocampista nel bellissimo cortometraggio di presentazione del match di domani, una frase che dovrà riecheggiare nella testa dei calciatori biancocelesti per novanta  minuti: Torino – Lazio è come una deja vu. Lo scorso giugno la stessa partita costò lo Scudetto ai ragazzi di Simone Inzaghi, sconfitti solo in finale. Adesso siamo un autunno, le squadre sono cambiate, ma il fuoco della rabbia ancora non si è spento dalle parti di Formello. Stasera, fischio d'inizio ore 18.00, al Comunale di Torino si rincontreranno: quale migliore opportunità per vendicarsi?

Simone Inzaghi ©Laura Del GobboLa Lazio sta vivendo un momento tutt’altro che entusiasmante, anche se l’ultima travolgente vittoria contro l’Avellino ha regalato a Simone Inzaghi qualche sorriso in più. Ci ripetiamo anche se sembra stucchevole: la Lazio targata 2015/2016 non è la stessa dello scorso anno; è più giovane, più inesperta, forte di un potenziale ancora però quasi tutto da esprimere. Anche il Torino è cambiato ma non sta deludendo poi tanto in campionato, forte di un quarto posto frutto di quattro vittorie, tre pareggi ed un sola sconfitta. Giocatori di personalità come Fissore, Danza e Rosso sono andati via ma non può bastare questo per dormire sonni tranquilli. Lì davanti c’è sempre un Debeljuh che fa paura e che fino ad ora in campionato è riuscito a trovare la porta già sei volte. La retroguardia laziale dovrà stare quindi attenta anche se è proprio in difesa che Inzaghi si è dovuto arrendere ad un doloroso forfait dell’ultimo minuto: nel corso dell’allenamento di mercoledì si è infatti infortunato il classe ’98 Filippo Cardelli, fino ad ora uno degli ex Allievi Nazionali che meglio si stava distinguendo in Primavera, spalla fissa accanto a capitan Mattia. Stasera toccherà quindi a Quaglia prendersi il posto da titolare: l’ultima fu in campionato in casa contro il Palermo nel match del 19 settembre. I terzini saranno i soliti Germoni e Dovidio mentre è a centrocampo che Inzaghi si ritrova a fare i conti con le assenze: Rokavec e Borecki sono in Nazionale e Verkaj è rimasto a Roma. Non sono un caso infatti le convocazioni degli Allievi Petroselli, Miceli e Portanova. A conti fatti, oltre le scelte ovvie quanto obbligate sulla mediana di Murgia e Folorunsho, a completare il terzetto di centrocampisti ci sarà il classe ’98 Cassio Cardoselli, lo scorso anno titolare con gli Allievi e che fino ad ora aveva trovato pochissimo spazio. Il calcio è così: quando meno te lo aspetti ti porge l’abito da sera, per un’occasione che sai che dovrai sfruttare. Davanti Inzaghi avrà possibilità di scelta: il 4-3-3 verrà completato da bomber Rossi, affiancato da Palombi e Manoni, con Calì e Bezziccheri in panchina. Solito 4-2-4 invece per il Torino.

Adesso la parola passa al Comunale di Torino, palcoscenico di un match che sarà più di una normale partita di calcio. Ci si gioca una Supercoppa (quella che potrebbe essere la seconda della storia biancoceleste), ci si gioca l’opportunità di rialzare la testa dopo un inizio di campionato tutt’altro che esaltante, ma soprattutto ci si gioca la possibilità di vendicare quello Scudetto sfumato all’ultimo respiro, ai calci di rigore. Non sarà la stessa Lazio dello scorso anno, ma rabbia e voglia i biancocelesti ne hanno da vendere e a volte bastano per farti volare più in alto di tutti, per farti vincere le finali. Se così sarà, stavolta sarà la Lazio ad essere ricordata.

LE PROBABILI FORMAZIONI
TORINO (4-2-4) Zaccagno; Carissoni, Benedetti, Mantovani, Procopio; Segre, Osei; Edera, Debeljuh, Geraci, Candellone All. Longo
LAZIO (4-3-3) Matosevic; Dovidio, Mattia, Quaglia, Germoni; Cardoselli, Folorunsho, Murgia; Manoni, Rossi, Palombi All. Inzaghi