Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Giovanili

Lazio, cinquina al Kaos Futsal. Dopo lo scudetto arriva anche la Supercoppa Under 21

La formazione di Medici supera i ferraresi con una prestazione di grande livello. Biancocelesti sempre in vantaggio, un attimo di flessione solo a fine del primo tempo



LAZIO – KAOS FUTSAL          5-2

MARCATORI 2'22''p.t. Sordini (L), 15'02'' Petriglieri (K), 17'14'' Fortini (L); 2'58'' s.t. Schininà (L), 5'43'' Chilelli (L), 11'27'' Timm (K), 14'20'' Escosteguy (L)   

LAZIO Molitierno, Salas, Escosteguy, Fortini, Schininà, Chilelli, Raubo, Mentasti, Scalambretti, Di Eugenio, Sordini, Di Sabatino ALLENATORE Medici 

KAOS FUTSAL Timm, Mariani, Failla, Missanelli, Bergamini, Molinari, Poltroneri, Di Guida, Signorini, Petriglieri, Catelani, Evandro ALLENATORE Andrejic 

ARBITRO 1 Marconi di Verona ARBITRO 2 De Pasquale di Marsala 

CRONO Fratangeli di Frosinone 

NOTE Ammoniti Chilelli, Petriglieri, Di Guida Angoli 5-3

La festa della Lazio (Foto © Cantarelli/S.S. Lazio C5) Vince la Lazio, vincono i campioni d'Italia. Al termine di un match divertente i biancocelesti superano i ferraresi del Kaos Futsal e si confermano come la mglior Under 21 del paese. Una gara sempre in mano ai ragazzi di Medici, che sono andati in vantaggio immediatamente e, a parte un sussulto al termine della prima frazione, hanno sempre dato l'impressione di possedere un'altra marcia.

E' la Lazio a fare gioco nella prima parte del match e a trovare due conclusioni con Escosteguy e Fortini, ma Timm è ben piazzato. I ferraresi non riescono ad uscire dalla metà campo e i padroni di casa trovano presto il vantaggio con Sordini, abilissimo a farsi trovare pronto su una felice intuizione di Schininà su schema da calcio piazzato. Passano pochi istanti ed èancora il numero otto biancoceleste ad inventare servendo Salas, ma l'esterno non centra lo specchio della porta fallendo una facile occasione. Il primo acuto emiliano intorno al 4', quando Molitierno deve compiere una grande parata per disinnescare il destro di Petriglieri. E' ancora lui, su punizione, a far venire i brividi ai tanti tifosi laziali accorsi al PalaGems e che gridano al raddoppio al 6', ma Timm compie un autentico miracolo su Escosteguy. E' di nuovo Salas, al 9', a trovare lo spazio giusto ma non lo specchio da ottima posizione, ma ancor più clamoroso è l'errore di Schininà, che da due passi si divora la palla del 2-0 proprio su assist dello stesso Salas, mentre al 10' è super Timm a dirgli di no. Il match cala leggermente di ritmo, con la Lazio che comunque continua a controllare agevolmente e a farsi vedere con il duo Schininà –Salas, ma senza pungere, mentre sull'altro versante solamente Petriglieri sembra riuscire a creare qualcosa di interessante. Ed èproprio lui, a cinque dall'intervallo, a saltare Schininà con un grande numero e a superare Molitierno con un delizioso esterno sinistro per l'1-1, sfiorando addirittura la doppietta e il gol delsorpasso al 17', ancora su punizione. Proprio nel momento migliore degli emiliani, però, ecco il guizzo di Fortini, che con un bel colpo sotto evita l'uscita di Timm e riporta in vantaggio i suoi compagni e a permettere di andare avanti all'intervallo.

La ripresa inizia sulla falsa riga della prima frazione, con la Lazio che occupa stabilmente la metà campo avversaria e il Kaos che prova ad approfittare di qualche errore di misura per ripartire in velocità. La prima conclusione, però, è di marca ferrarese, con Failla che dalla distanza non trova la porta. Così, allo scadere del terzo minuto arriva l'allungo laziale. E' Schininà, alla fine il migliore in campo, a sfruttare l'assist del solito Salas e a battere Timm con un sinistro micidiale. Il Kaos cerca subito la reazione, ma la formazione di Medici cresce eTimm si deve superare prima su Mentasti, poi su Sordini, stavolta grazie all'aiuto del montante alla sua destra. La Lazio spinge, capitan Chilelli scheggia il palo e il gol è nell'aria. Arriva al 6', quando è Chilelli a procurarsi e trasformare una punizione dal limite dell'area. Con tre reti di vantaggio i romani gestiscono il match a loro piacimento e possono attendere per sfruttare il contropiede. Proprio su un capovolgimento di fronte orchestrato da Schininà, Fortini trova sulla sua strada di nuovo Timm, mentre all'11' ci prova Mentasti, ma la sfera termina sul fondo. Il Kaos ha un sussulto d'orgoglio poco dopo la metà del secondo tempo e lo fa proprio con il suo portiere Timm, che dalla distanza sorprende Molitierno riaprendo la gara. Il portiere di casa però si riscatta subito dopo su Petriglieri con un intervento provvidenziale, perché pochi istanti dopo la Lazio riporta a tre i gol di vantaggio con un'iniziativa pesronale di Escosteguy che recupera palla in difesa, aggira anche Timm e firma il 5-2. E' il gol che di fatto consegna laS upercoppa alla Lazio. Andrejic tenta il tutto per tutto inserendo Petriglieri come portiere di movimento, ma i ragazzi di Medici non mollano un centimetro e sfiorano la sesta marcatura ancora con Schininà. E' l'ultima emozione prima del triplice fischio finale. Poi è di nuovo festa per i Campioni d'Italia.