Notizie

Lazio e Tor Tre Teste: il big match finisce senza acuti

Termina 0-0 la sfida più attesa della giornata. L'equilibrio non si spezza, ma le occasioni non sono mancate



LAZIO – NUOVA TOR TRE TESTE                     0-0 

LAZIO Cirillo 6, Mengoni 6 (30’st La Spada sv.), Petricca 6, De Angelis 6, Dutu 6,5, Armini 6,5, Rosi 6 (10’st Marzi 6), Putti 6, Nicodemo 6, Di Fazio 6,5 (12’st Napolitano 6), Cerbara 6,5 (7’st Fonzo 6) PANCHINA Noto, Attia, Scaffidi, La Spada ALLENATORE Zuccarini 

NUOVA TOR TRE TESTE Sordini 6,5, Catapano 6, Turco 6 (30’st Valentini sv.), Buongarzoni 6, Spoletini 5,5 (22’st Ferri 5,5), Nguyen 6, Lomanto 6 (18’st Finucci 6), Ferrarini 6, Del Mastro 6, Preti 6, Valentino 6 PANCHINA Facchino, Marchizza, Sardilli, Montesi, Di Salvo ALLENATORE Alfonsi 

ARBITRO Mordeca di Civitavecchia, 5,5 

NOTE Ammoniti Petricca, Valentino, Ferrarini, Del Mastro. Angoli 3-5. Rec. 2’st. 

Nel big match della terza giornata Lazio e Nuova Tor Tre Teste pareggiano senza andare in gol. Un risultato che va stretto ai padroni di casa, che sono stati più pericolosi degli ospiti ed avrebbero meritato almeno una rete, dai anche i due legni colpiti nell’arco dei 70’. Il team di Alfonsi ha comunque dimostrato organizzazione e grinta, uscendo a testa alta dalla tana dei biancoazzurri.

Tor Tre Teste, buon punto a Ladispoli © photosportiva.itLa partita inizia subito su ritmi elevati: la Tor Tre Teste è molto aggressiva ed attacca guadagnandosi un paio di corner nei primi 3’ di gioco, dai quali però non scaturisce alcuna palla-gol. La prima vera occasione della gara è la conclusione di Putti, alta dal limite dell’area, mentre al 10’, su corner di Cerbara, la Lazio sfiora il vantaggio con il palo colpito di testa da Fonzo. La partita è vivace, divertente e le emozioni non mancano: la reazione dei rossoblu si concretizza con la battuta dal limite dell’area di Preti, sulla quale Cirillo si distende bene, a seguire si registra la pregevole serpentina di Cerbara, conclusa con un diagonale mancino su cui Sordini non ha problemi. Entrambe le squadre giocano a viso aperto, dimostrando personalità e concretezza, ma è la Lazio a incidere di più: al 18’ altra grande occasione con la pregevole punizione calciata da Di Fazio, su cui Sordini si esalta in tuffo con l’aiuto della traversa, poco dopo è Nicodemo a provarci con una girata mancina in area, su assist di Cerbara, uno dei più attivi dei suoi, come si evince anche al 25’ quando penetra in area dalla sinistra calciando però sul fondo da buona posizione. A questo punto gli ospiti sembrano aver esaurito lo slancio offensivo iniziale, che comunque non aveva portato a nitide palle-gol, con i biancoazzurri che prendono le misure, impedendogli di incidere una volta sulla trequarti avversaria. Al 28’ ancora Lazio in pressione, con il tiro di Di Fazio da fuori area, al quale la Tor Tre Teste replica con il tentativo dal limite, non troppo convinto, di Spoletini. Nulla più fino al duplice fischio dell’arbitro, che manda tutti negli spogliatoi dopo 35’ interessanti.

Nella ripresa Armini va vicinissimo al gol del secolo direttamente dal calcio d’inizio di metà-campo: Nicodemo e Di Fazio toccano la palla per avviare la seconda frazione in favore proprio di Armini, il quale da dietro arriva in corsa e calcia improvvisamente da centrocampo , con la sfera che si stampa clamorosamente sulla traversa, finendo poi sulla schiena di Sordini per sfilare infine a lato. Gli ospiti accusano il colpo, mentre mister Nuccorini opera diversi cambi in attacco, ridando dinamicità al reparto. Il ritmo di gioco rimane incalzante, ma a differenza del primo tempo si vedono meno occasioni. Al 18’ Armini cerca nuovamente gloria con una punizione dal limite, a seguire i rossoblu rispondono col bel diagonale di Del Mastro, ma Cirillo è reattivo sul primo palo. La chance per passare in vantaggio la Lazio ce l’ha al 28’, con Nicodemo che in area, su cross di Marzi dalla sinistra, calcia però alla sinistra del palo. Nel finale la Tor Tre Teste resta ordinata in difesa, non crollando sotto gli ultimi tentativi di Nicodemo, così la gara del Gentili termina a reti inviolate.