Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Nazionali

Lazio, parola di Duarte: "Dobbiamo essere sempre carichi"

Dopo la netta vittoria nel derby contro il Latina, parla il giocatore autore di una splendida rete nel 6-1 finale



Vinicius Duarte (Foto © Cantarelli/SS Lazio C5)E' arrivato per ultimo a Roma, ma questo non gli ha impedito di diventare subito il capitano di questa nuova Lazio. Del resto, pur venendo da un paio di stagioni in chiaro scuro, parliamo comunque di un giocatore da "Hall of Fame" della Serie A e nelle poche apparizioni in biancoceleste, Vinicius Duarte ha mostrato a tutti le doti da grande giocatore attribuitegli  negli anni. E l'impressione è che non si sia ancora visto tutto.

Non tutto magari, ma già tanto. Prestazione da top player contro l'Asti, in crescita contro il Latina e poi, quel gol. Una perla, che oltre a strappare l'ovazione del PalaGems e la valanga di complimenti dal web (sulla sola pagina Facebook della società, i 26 secondi di video del suo centro contro il Latina hanno raggiunto oltre diecimila persone, ricevuto 138 like e sono stati condivisi 19 volte), segna virtualmente (e finalmente) l'uscita da un periodo non troppo positivo e l'inizio di un ciclo che si spera possa continuare sulla bella scia delle prime soddisfazioni biancocelesti. 

"Ogni tanto ci capitano anche cose così - ride, ripensando alla rete di domenica - era un po' che non segnavo, ho avuto tanti problemi l'anno scorso e questo bel gol lo prendo come un premio. Sto tornando a dare una mano, come ho sempre fatto in tutte le squadre, spero di riuscirci anche qui".

Il Duarte visto in campo fin'ora somiglia tanto a quello "migliore", ha voglia ed è carico:"Dobbiamo essere sempre carichi al massimo per giocare in Serie A, è un campionato difficile e talmente livellato che l'ultima può vincere contro la prima e bisogna sempre essere attentissimi. Col Latina, come ad Asti, abbiamo saputo soffrire, dopo l'espulsione abbiamo fatto una gran difesa. Faccio i miei complimenti a tutti perché i tre punti sono arrivati giocando da gruppo".

Tra l'altro, la Lazio ha sbloccato, se pur su tiro libero, mentre era in inferiorità numerica. Ha difeso bene ed affondato colpi precisi di rimessa, ha subito relativamente il portiere di movimento del Latina prendendo un gol ma segnandone altri due. Segnali di una squadra in salute:

"Si, siamo in salute, ma ancora dobbiamo aggiustare i piccoli dettagli. Ci stiamo lavorando, la squadra lo diciamo sempre, è tutta nuova, pian piano riusciremo a sistemare tutto".

Vittoria in trasferta contro una pretendente allo scudetto e vittoria nel derby contro una battagliera neo-promossa.

Ora, dopo il test amichevole contro la Nazionale del Giappone, piccolo derby personale per lui che ha ereditato geni nipponici dalla famiglia materna, si va in casa del Corigliano per una nuova battaglia:

"Come dicevo prima, il campionato è molto molto livellato, si va lì e non ci sarà nulla di scontato come abbiamo dimostrato alla prima giornata e come hanno fatto loro battendo un'ottima squadra come il Rieti. La sola cosa che possiamo fare è concentrarci sul lavoro della settimana per arrivare al meglio alla partita sabato".   

Appuntamento quindi per oggi pomeriggio con l'amichevole Lazio-Giappone, al via alle 15.00 al PalaGems e, venerdì la partenza per Corigliano Calabro, dove sabato pomeriggio si giocherà la terza giornata di un campionato che vede, dopo soli due turni e tutte le relative valutazioni, la Lazio in testa a punteggio pieno grazie anche allo stop forzato di Luparense e proprio Fabrizio Corigliano, che devono recuperare la seconda giornata.