Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Femminile

Lazio, pomeriggio buio: il Montesilvano vince 4-0

La formazione biancoceleste subisce il secondo stop consecutivo nella trasferta contro le abruzzesi



MONTESILVANO-S.S. LAZIO: 4-0 (2-0 p.t.)

MARCATORI 9’40’’ pt Amparo (M), 17’46’’ Bruna (M), 7’58’’ st Nanà (M), 17’22’’ Amparo (M)

MONTESILVANO Esposito, Guidotti, Amparo, Di Pietro, Bruna, Bellucci, D’Incecco, Nanà, Ciferni, Troiano, Reyes, Mansueto. ALLENATORE Salvatore 

S.S. LAZIO C5 Vecchione, Cariani, Agnello, Argento, Capozzi, Pomposelli, Amici, Maione, Benvenuto, D’Angelo, Iannucci, Azevedo ALLENATORE Mannino 

ARBITRI Palombi (Avezzano), Tupone (Lanciano), Frisenna (Pescara) 

NOTE Ammoniti Argento (L), Maione (L) Espulsa Roberta Maione (L) per somma di ammonizioni Tiro libero sbagliato da Pomposelli (L) a 19’40’’


Sara AgnelloSecondo stop consecutivo per la squadra biancoceleste. Le romane cadono 4-0 al PalaRoma al termine di una prestazione non al pari delle aspettative. Il Montesilvano si dimostra più forte e trascinato dalla solita Amparo, porta a casa la partita con merito.


Primo tempo. Il tema tattico dell’incontro è ben chiaro sin dalle prime battute: il Montesilvano fa la partita e la Lazio sceglie di attendere nella sua metà campo. La prima occasione del match capita sui piedi di Amparo che, liberata sulla destra, calcia alto da buona posizione. È sempre la spagnola la più pericolosa: conclusione a incrociare e parata in spaccata di Vecchione. A difesa schierata, però, la Lazio contiene bene il giro palla abruzzese e sono le ripartenze a punire le capitoline: pallone perso da Benvenuto, accelerazione di Amparo e 1-0 al nono minuto. La nazionale spagnola è la migliore delle sue: altro pallone riciclato, altra ripartenza, assist per Bruna e raddoppio al diciottesimo. 


Secondo tempo. Una Lazio troppo rinunciataria non riesce a venire a capo di questo incontro. Il Montesilvano, invece, dimostra di avere la pazienza propria delle grandi squadre: dopo una lunga fase di possesso palla Nanà insacca il tris abruzzese. A dieci dalla fine le romane mettono il portiere di movimento, senza però creare mai davvero pensieri alla porta di Esposito. Il portiere del Montesilvano viene chiamato all’intervento raramente e sulle più nitide occasioni risponde sempre in maniera attenta. Al quindicesimo, nel giro di pochi secondi, Maione prima viene ammonita e poi espulsa per un inutile eccesso di zelo da parte dell’arbitro. In superiorità numerica Amparo cala il poker che chiude di fatto la contesa. A tempo quasi scaduto Pomposelli calcia sul palo un tiro libero e Iannucci fallisce il tap-in, emblema di un pomeriggio storto.