Notizie
Categorie: Altri sport

Lazio, prima al Palazzetto poi allo stadio

​Sabato a tinte biancocelesti, la Lazio chiama a raccolta i tifosi: prima dell’Olimpico, le aquile della pallanuoto riceveranno il Bogliasco per l’ultima in casa del 2014. Torna Colosimo: “Ci tenevo troppo”. Formiconi: “Restiamo concentrati”.



La Lazio (foto Napolitano)Tanti complimenti e una discreta serenità. Ma dopo la vittoria nel derby con il Vis Nova, il pareggio un po’ a sorpresa contro lo Sport Management e una classifica che è tornata a sorridere in soli 4 giorni, per non vanificare quanto di buono fatto servono adesso continuità di gioco e di risultati. Con questa idea la Lazio Nuoto ha lavorato in settimana per preparare la sfida della nona giornata del campionato A1 di pallanuoto contro il Bogliasco. Gara in programma domani alle ore 18 al Palazzetto di via San Gaggio 5, in un sabato all’insegna della Lazio: prima i ragazzi di Formiconi in acqua per l’ultima dell’anno di fronte al proprio pubblico e poi i “cugini” del calcio che in serata, nel vicino stadio Olimpico, riceveranno l’Atalanta.Avversari delle aquile acquatiche saranno dunque i liguri guidati da Bettini fermi a 6 punti in graduatoria, contro i 7 dei capitolini, ma con una partita in meno e comunque capaci, nel turno scorso, di tener testa fino all’ultimo all’Acquachiara. Un confronto che, anche per questo, si annuncia interessante ed equilibrato. “E’ una gara molto importante, di quelle alla nostra portata, vincendola avremmo la possibilità di fare un balzo in avanti significativo e distanziare una diretta concorrente. Il gruppo sta migliorando, come sempre serve tempo, ma stiamo venendo fuori - è l’analisi prepartita di Pierluigi Formiconi, allenatore della Lazio Nuoto che però avverte - non dobbiamo commettere lo sbaglio di sentirci arrivati, l’entusiasmo che si vive intorno alla squadra è un po’ pericoloso, qualcuno può pensare di essere diventato troppo bravo, è bene tornare subito con i piedi per terra perché se non arriviamo con la testa giusta non facciamo niente di buono. Il derby era una partita da vincere, mi dispiace invece per il pari con il Verona perché pur conoscendo e rispettando il loro valore, con qualche errore in meno potevamo ottenere i tre punti”. 


Sconto a Colosimo Il tecnico biancoceleste potrà poi contare sul rientro di Federico Colosimo al quale è stata ridotta ad un solo turno (già scontato con lo Sport Management), la squalifica di due giornate rimediata nella stracittadina. “Sono contento di aver vinto il ricorso di cui mi sono occupato personalmente insieme alla società, perché tenevo troppo a questo incontro che adesso ho un motivo in più per provare a vincere – racconta il pallanuotista romano che sull’impegno di domani aggiunge - sarà una gara difficile, l’anno scorso è stata la formazione che ci ha creato più difficoltà rifilandoci due brutte sconfitte. Loro sono un po’ come noi, un gruppo che si conosce da anni, è vero hanno perso un paio di giocatori importanti, ma è tornato Deserti e sono arrivati due stranieri, De Trane e Loomis, consigliati dal ct statunitense Udovicic. E’ adesso che conta, ha ragione Pierluigi a richiamare tutti all’ordine, ma è pur vero che l’euforia molte volte ti sblocca mentalmente e ti fa viaggiare sui giusti binari. Vincere ci permetterebbe di staccarci dalla zona caldo e poi è l’ultima del 2014 al Palazzetto e vogliamo onorare al massimo l’incontro”.