Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Nazionali

Lazio sempre attiva: arriva anche Cittadini

La formazione biancoceleste ufficializza l'ex giocatore di L'Acquedotto e Olimpus



Emiliano Cittadini (Foto © Cantarelli)La S.S. Lazio Calcio a 5 dà il suo benvenuto al calcettista argentino Emiliano Cittadini, da anni nel giro del futsal italiano – e laziale in particolare – arriva in biancoceleste ritrovando mister Massimiliano Mannino dopo la comune esperienza con L'Acquedotto Calcio a 5 nella stagione 2013/2014. 


Cittadini. Dopo Juninho è il turno di Emiliano Cittadini. La Lazio piazza un altro colpo di mercato, assicurandosi le prestazioni del giocatore argentino classe ‘82. L'hombre di Buenos Aires arriva dopo aver conquistato la promozione in Serie A2 con l'Olimpus e si prepara così alla sua prima esperienza nel massimo campionato italiano. 

“All'Olimpus ho vissuto un grande anno e auguro loro il meglio, ho lasciato grandi persone che mi hanno trattato benissimo. Ciò che mi ha convinto a venire è la sfida della Serie A e il poter vestire una maglia così importante, con una storia incredibile, come quella della Lazio”. 

Giocatore di talento, carismatico e con un cuore grande così, Emiliano Cittadini porterà certamente la sua mentalità vincente e combattiva anche in Serie A. “E' vero, in tutta la mia carriera ho sempre giocato fra Serie B e A2. Questa opportunità, però, mi arriva in un momento giusto, nel quale ho raggiunto la piena maturità. Non ho mai avuto paura delle sfide e questa non sarà un'eccezione”.

Cittadini, che vestì la maglia de L'Acquedotto quando Mannino sedeva in panchina, ritrova il mister e la famiglia Chilelli: “Ho un rapporto sincero e da veri uomini, sia con il mister che con Daniele: so cosa vogliono da me. Siamo sempre rimasti in contatto, anche se eravamo in società diverse: ho sempre tifato per loro e viceversa. Se arrivo alla Lazio è assolutamente grazie a loro, darò tutto e di più per ripagare la fiducia”.

Chiusura con un pensiero sul campionato 2015/2016: “Sarà una A durissima, una guerra sportiva su ogni campo. Ogni errore viene pagato a caro prezzo, ma non vedo l'ora di giocare un campionato di questo livello”.