Notizie

Lazio, tris all'Ischia Isolaverde: adesso il derby nella finalissima contro la Roma

I ragazzi di Zuccarini superano i campani con un guizzo di La Spada dopo appena un minuto e la doppietta di Napolitano nella ripresa. Martedì l'ultimo atto contro i giallorossi



LAZIO - ISCHIA ISOLA VERDE         3-0

MARCATORI La Spada 1'pt (L), Napolitano 12'st, 34'st (L)

LAZIO Cirillo (29'st Sanfilippo), Mengoni (1'st Fonzo), Attia (1'st Napolitano), Dutu (17'st Vespa), Armini, De Angelis, Rosi (5'st Cerbara), Di Fazio (9'st Marzi), Nicodemo (1'st Ventucci), Putti, La Spada ALLENATORE Zuccarini

ISCHIA ISOLA VERDE Massa, Lauro, Aurilia, De Iulio, Colantonio (1'st Fontanella), Gargiulo, Battipaglia (31'st Ambrosino), Accardo, Scarpati, Di Salvatore (23'st Di Maio), Chiocchetti (1'st Landri) PANCHINA Pone, Noviello, Panariello ALLENATORE Skhuravy

ARBITRO Gasbarri di Roma 1

NOTE Angoli 4-2 Fuorigioco 3-2 Rec. 3'pt 3'st

Napolitano in gol © photosportroma.itLa Lazio si aggiudica la semifinale contro l'Ischia Isola Verde e si prende la finale del Serilli, dove incontrerà i cugini della Roma. Parte fortissimo la formazione di Zuccarini che trova il vantaggio dopo neanche sessanta secondi dal calcio di inizio, con l'incornata in tuffo di La Spada che trafigge l'incolpevole Massa. All'11' ancora Lazio pericolosa con la palombella da distanza siderale di Di Fazio, Massa controlla la traiettoria spegnersi di poco sopra la traversa. I biancocelesti fanno la partita, con l'Ischia che sembra aver accusato il colpo dello svantaggio. Al 24' Nicodemo ruba palla nella metà campo avversaria e se ne va a tu per tu con il portiere, lo salta e chiude con il destro, miracoloso l'intervento sulla linea di Gargiulo che nega il raddoppio ai capitolini. Insistono i biancocelesti, alla mezz'ora ci prova Di Fazio, stavolta dal limite, la sua conclusione viene deviata sul fondo da un avversario. Sul corner successivo respinge la difesa campana, ancora il centrocampista a raccogliere la sfera e liberare il tiro, ma la traiettoria si spegne sopra la traversa. Sul finire di primo tempo si rendono pericolosi i ragazzi di Skhuravy con Accardo che manda in profondità Scarpati, l'attaccante lascia partire la conclusione, troppo centrale però, che diventa facile preda del portiere. Ancora Ischia pochi secondi più tardi, con la punizione di Colantonio a centro area, svetta De Iulio, Cirillo fa buona guardia.

Nella ripresa l'Ischia trova maggiore convinzione e si mette alla ricerca del pareggio: all'11' Fontanella trova Scarpati nello spazio, la punta però spara alto. La Lazio allora non perdona e trova il raddoppio, grazie a Napolitano che chiude il triangolo al limite con La Spada, salta il portiere e incrocia il sinistro. Inutile il disperato tentativo di salvataggio di Gargiulo. Gli isolani non mollano e poco prima della mezz'ora provano a ripartire la gara con Di Maio che prova a sorprendere Cirillo con un colpo di punta, il numero uno biancoceleste sventa la minaccia. Sul ribaltamento di fronte, Zuccarini e i suoi vanno vicino al tris ancora con Napolitano che a tu per tu con il portiere prova a saltarlo ma viene ipnotizzato. L'Ischia sembra aver ceduto e lascia spazio ai capitolini che provano a cercare il tris. La Spada ben imbeccato in area controlla la sfera e chiude con l'esterno sinistro, Massa si oppone alla grande. Il numero uno di Skhuravy nulla può però 2' dopo quando è ancora Napolitano a mettere la firma sul tabellino: sombrero di La Spada sul difensore a liberare in area il numero quattordici che da due passi non sbaglia. Prima del triplice fischio ci sarebbe spazio anche per la doppietta di La Spada, ma ancora un super Massa gli sbarra la porta. Prossimo atto la finale di martedì alle ore 17, ad attenderci c'è il derby.