Notizie

Lazio, un passo indietro... Pronto riscatto del Latina

Biancocelesti bloccati contro il Palermo, la Roma "africana" va a duecento all'ora, il Frosinone esce da Empoli a testa alta, Ghirotto si rimette subito in riga: ecco il commento della seconda giornata



Una Roma da applausi, una Lazio da rivedere, il riscatto del Latina e la sconfitta a testa alta del Frosinone. E’ stata una seconda giornata di campionato piena di luci ed ombre quella che ci siamo lasciati alle spalle.

Simone Palombi ©GazzettaRegionaleLazio col freno a mano tirato. A Formello, la cattiveria agonistica ha avuto la meglio sulla tecnica. Il Palermo ha bloccato la Lazio. Una Lazio troppo poco incisiva, sterile in attacco; buona la prova in difesa con Mattia come sempre puntuale e con Quaglia che ha alternato ottime chiusure ad interventi da brividi. Perché levare Cardelli dopo l’ottima prova con il Pescara? Il centrocampo non ha fatto male, Borecki e Rokavec sono entrati subito nella partita e per buona parte del primo tempo sono riusciti ad alzare il baricentro della squadra supportati da un Alessandro Murgia che si è acceso solo ad intermittenza. Da lui ci si aspetta di più. E ci si aspettava di più anche da Simone Palombi, il più grande, il più esperto, il trascinatore, che però ieri era in giornata no, sovrastato dalla fisicità di una difesa palermitana perfetta. Stesso motivo per il quale bomber Alessandro Rossi si è ritrovato ad agire lontano dall’area di rigore avversaria, cercando spazi più liberi per giocare il pallone. La vera nota positiva è stata la spinta dei terzini: Germoni sembra un altro giocatore rispetto a quello dello scorso anno e non sta facendo rimpiangere Seck, stesso discorso per Dovidio, che ha il difficile di ruolo di sostituire Pollace. Uno 0-0 giusto che alla fine servirà ad Inzaghi per imparare dagli errori.

Sadiq Umar ©Laura Del GobboLa Roma non si ferma. Trascinato dai due nigeriani terribili, Sadiq Umar e Nura Abdullahi, i giallorossi continuano a brillare in questo avvio stagionale. Dopo la cinquina all’Empoli e l’ottima prestazione contro il Barcellona, la squadra di De Rossi si è divertita anche in quel di Napoli con un pirotecnico 6-3. Questione portiere: dopo le due presenze consecutive di Lorenzo Crisanto, a difendere i pali della porta è tornato Ionut Pop, ma De Rossi sembra aver già l’ex Allievi come titolare. Esordio in Primavera per Luca Pellegrini, che ha sostituito Anocic. Prestazione macchiata solo dall’errore di posizione sull’azione del primo gol partenopeo. Dal punto di vista tecnico, la vera grande novità è stata quella di D’Urso spostato sulla trequarti al posto di Di Livio, scelta che ha portato ottimi frutti. Solari ha riposato, ma chi ha ancora rubato la scena è stata la coppia nigeriana Sadiq-Nura: il primo ha trovato la prima rete in campionato nel primo. Poi due, tre e quattro nella ripresa: poker personale e capacità fisiche e atletiche quasi fuori categoria. Il terzino è senza dubbio l’uomo simbolo di questo avvio di stagione: seconda partita, secondo gol, ancora una assist e la solita velocità disarmante che sta stupendo gli addetti ai lavori. Non a caso il Barcellona ha chiesto informazioni alla Roma sull’esterno, De Rossi & Co. hanno rispedito tutto al mittente.

Criscuolo, a segno sabato ©uslatinaIl Latina respira. Dopo il ko amaro all’esordio contro il Crotone ci si aspettava una reazione dai nerazzurri di Ghirotto ed il segnale c’è stato. Meritata vittoria per i pontini alla prima in casa contro il Pescara: soprattutto nel primo tempo si è vista una fluidità di gioco che ha permesso al Latina di prendere in mano il match e ritrovarsi sul doppio vantaggio. Ottima l’intesa della coppia d’attacco formato dal nuovo arrivo Yann Kass e da Maccioni, che ha timbrato anche il cartellino approfittando di un ottimo assist proprio dello svizzero. Ha risposto presente anche Sottoriva, il portiere classe ’99, sul quale la società punta tanto in prospettiva: nella ripresa l’estremo difensore ha salvato i suoi, parando un rigore, decisivo in chiave tre punti dopo un secondo tempo nel quale il Latina ha un po’ accusato il tentativo di reazione del Pescara. Un 2-1 importante soprattutto dal punto di vista psicologico.

Federico Coppitelli ©Gazzetta RegionaleFrosinone, che peccato! Le ottime sensazioni destate dopo la netta vittoria contro la Virtus Lanciano, hanno avuto riconferma anche nel match di sabato in casa dell’Empoli. Rose alla mano, i toscani sono più forti dei ciociari ma il nuovo corso di Coppitelli anche ieri ha lanciato ottimi segnali. I toscani hanno vinto, ha tenuto in mano la partita per la maggior parte del match, ma i canarini non hanno mai mollato, facendo paura all’Empoli ed arrendendosi al gol del 3-2 toscano a venti minuti dalla fine. La nota più lieta arriva dall’attacco: in attesa del titolare Valerio Trani al centro dell’attacco, Coppitelli può consolarsi con un Volpe in stato di forma ieri autore di una doppietta. La possibilità del pronto riscatto è presto servita: mercoledì c’è la Coppa Italia contro i cugini del Latina. Non proprio un match qualunque…