Notizie
Categorie: Giovanili - Juniores

Le Mole, vittoria di misura contro lo Sporting Roma

Una rete su rigore di Fondi a 15' dalla fine regala ai castellani il titolo d'inverno nel loro raggruppamento



LE MOLE  - SPORTING ROMA 2-1

 

LE MOLE Bonamici, Monti, (65’Fabrini) Tora, (46’Cecchetelli) Maracchioni,Querini,Fortini,Fabiani,(59’Rosati),Calcagni,Barberi,Fondi, Silvestrini, (59’Ingannamorte )

ALLENATORE G. Fornaciari  

 

SPORTING ROMA  Artibani, Leone, Cirillo, (60’Proietti) Baglione, (86’ Fiorini ) Di Pietro, Di Tora, Di Meo,(80’Mignucci) Amicuzzi, Abdel, Pompi, Panzironi, (70’ Del Pidio) PANCHINA Mariani   ALLENATORE Palloma   


MARCATORI Querini 23’(LM); Di Pietro 70’ (SR);  Fondi (Rig.)75’(LM)

 

NOTE Ammoniti Bonamici, Barberi, Fondi, Leone, Cirillo, Abdel, Pompi



Al “Ferraris” di Santa Maria delle Mole dopo una lunga sosta si ritorna a giocare. Giornata molto fredda  per l’ ultimo match del girone di andata che mette in palio il titolo di campione d’inverno del girone  “B” Primavera, la sfidante di turno è lo Sporting  Roma.

Prima dell’ incontro, su richiesta delle due società, si osserva un minuto di raccoglimento in memoria della prematura morte del giovane calciatore Daniele SIRTI classe 85 che ha militato in alcune compagini castellane come l’Ariccia per tanti anni e per ultima  di recente l’Albalonga..

  • Partono subito forte i castellani che provano a scardinare la difesa ospite, la lunga sosta però evidenzia subito alcune ruggini nello sviluppo del gioco che appare un pò lento e macchinoso.
  • Il ritmo è troppo basso, gli ospiti seppure  con qualche scontato  brivido riescono egregiamente a controllare la situazione, al 28’ però in una delle sue sortite offensive Querini servito da Barberi con una rasoiata da fuori area, supera l’incolpevole Arfibani per il vantaggio dei padroni di casa. 1-0
  • Poco dopo, una simile occasione capita sempre sui piedi di Querini che calcia a rete con poca convinzione e la palla termina tra le braccia del portiere.
  • Al 35’ ci prova anche Fondi servito in profondità da Calcagni che supera il portiere e defilato sulla destra in diagonale manda incredibilmente a lato.
  • Alessio Barberi, capitano del Le MoleNel finale della prima frazione altra grossa opportunità dei padroni di casa: Calcagni lanciato a rete ritarda l’esecuzione al tiro,  il  portiere esce a valanga respinge il tiro e lo stende, l’arbitro consente il vantaggio e Fabiani alza di poco sopra la traversa,  si va al riposo sul punteggio di 1-0.
  • Inizia la ripresa con i padroni di casa che rientrano in campo alla ricerca del raddoppio, ma passano i minuti ed il portiere ospite, tranne qualche uscita di normale amministrazione, resta inoperoso.
  • Al 14’ il mister Fornaciari prova a cambiare, dentro la coppia ex albalonga  Ingannamorte - Rosati in sostituzione di Silvetrini e Fabiani.
  • Da registrare alcune mischie in area scaturite da azioni di calcio d’angolo, ma nessun pericolo degno di nota per la difesa dello Sporting Roma.
  • Al 70’ su una delle pochissime azioni offensive degli ospiti, susseguente a calcio piazzato, la difesa castellana si fa trovare impreparata, il capitano Di Pietro sfugge al controllo di Cecchetelli ed entrato in area  fulmina l’incolpevole Bonamici per un insperato 1-1.
  • Le Mole calcio non ci sta, benché in giornata negativa sotto il punto di vista del gioco si butta a capofitto alla ricerca del vantaggio, al 75’ azione personale di Fondi che salta in dribbling alcuni avversari ed in area viene steso, il direttore di gara vicino all’azione decreta il penalty che lo stesso Fondi poco dopo trasforma spiazzando il portiere per il 2-1.
  • Passato lo spavento si ritorna ad insistere per la rete della sicurezza, nel finale ci prova Rosati senza esito, bloccato dall’ uscita del portiere che gli chiude lo specchio.
  • Nel finale, il giovane arbitro della sezione di Ciampino, distribuisce qualche sacrosanto cartellino giallo e dopo 5’ di recupero decreta la fine delle ostilità.
  • Vittoria importante quanto sofferta delle Mole calcio contro un coriaceo Sporting Roma che si è difeso con ordine per tutto l’incontro ed alla fine ha ben figurato nonostante il divario nei punti di classifica con la prima della classe.
  • Titolo simbolico di campione d’inverno ai ragazzi di Mister Fornaciari, ma campanello d’allarme dal punto di vista del gioco e dello spirito operario e di gruppo che aveva contraddistinto l’inizio di stagione, caratteristiche da ritrovare quanto prima per non farsi sfuggire l’obiettivo prefissato,il raggiungimento dei  play-off di categoria.