Notizie
Categorie: Dilettanti - Promozione

Lepanto, che fatica contro la Pescatori Ostia: Sina in extremis regala i tre punti

La formazione di Santececca torna ai tre punti dopo la sconfitta della scorsa settimana contro il Sermoneta



LEPANTO - PESCATORI OSTIA 3 - 2

MARCATORI
22’st Conteddu (P), 3’st Bianchi (L), 16’st Virli (L), 26’st Masciangelo (P), 43’st Sina (L) 

LEPANTO Di Giosia 6, Arcadu 6 (4’st Reati 6), Materazzi 5.5, Mastrandrea 5.5, La Forgia 6, Marongiu 6.5, Ricci 7 (24’st Vulpiani 6), Sbraglia 6.5, Virli 7, Binaco 5.5 (15’st Sina 7), Bianchi 7 PANCHINA Troiani, Pisapia, Maiolini, Macidonio ALLENATORE Santececca 

PESCATORI OSTIA D’Angelo 5.5, Tortolano 5.5, De Persio 5.5 (12’st Francavillese 5.5), Natalizi 6, Lo Presti 6.5, Benvenuti 5.5 (22’st Palaia 5.5), Ventricini 6, Ercolani 6, Conteddu 6.5 (9’st Masciangelo 6.5), Tumino 6.5, Cappelli 6 PANCHINA Bejan, Raffaelli, Carrera, Pettinella, Calicchia ALLENATORE Bellini 

ARBITRO Cataldi di Roma 2 

ASSISTENTI De Iorio di Roma 1, Ticani di Roma 2 

NOTE Ammoniti Natalizi, Ercolani, Mastrandrea, Tumino, Tortolano Angoli 4 - 2 Rec. 1’pt - 4’st  

Virli, ha siglato il momentaneo 2-1La Lepanto torna a correre. Dopo il ko di Sermoneta la formazione di Santececca torna alla vittoria, riuscendo ad imporsi per 3 - 2 sulla Pescatori Ostia. Un successo meritato per i castellani, ma ottenuto con troppa difficoltà per una squadra che durante i 90’ ha creato moltissime occasioni da gol, sprecando però troppo sotto porta.

PRIMO TEMPO La partita inizia con la Lepanto in proiezione offensiva e dopo appena 4’ arriva la prima occasione: Virli lavora bene la sfera in area di rigore e scarica per Binaco che da ottima posizione mette fuori con il destro. Passano pochi minuti e Binaco si divora il secondo gol di giornata: splendida azione in verticale dei castellani, con Sbraglia che scarica la palla per il numero 10 che però, da posizione ravvicinata, apre troppo il piatto destro mettendo sul fondo. I padroni di casa fanno la partita, ma a passare in vantaggio è clamorosamente la Pescatori Ostia. Al 22’ Tumino porta palla sulla trequarti e con uno splendido esterno sinistro pesca l’inserimento di Conteddu, che con un delicato tocco sotto beffa Di Giosia. La Lepanto reagisce e al 26’ ci prova con un destro dalla distanza di Sbraglia che però D’Angelo devia in corner. La Lepanto continua a premere e al 40’ sfiora un gol clamoroso. Ricci va via sulla destra e crossa in area di rigore, la palla è preda dell’estremo portiere ospite che però se la lascia sfuggire, ma per sua fortuna c’è Natalizi pronto a liberare l’area di rigore. É l’ultima azione di un primo tempo che il signor Cataldi di Roma 2 chiude al termine di un minuto di recupero. 

SECONDO TEMPO La ripresa si apre come si era chiuso il primo tempo, con la Lepanto che si divora il possibile pareggio. Ricci va via sulla destra e serve a porta vuota Bianchi che clamorosamente non riesce ad inquadrare lo specchio. Passano pochi minuti e i castellani trovano il meritatissimo pareggio. Caparbia azione di Virli che dal fondo serve Bianchi che, questa volta, non sbaglia e insacca la sfera alle spalle di D’Angelo. I ragazzi di Santececca vogliono la vittoria e al 16’ riescono a portarsi in vantaggio. Bianchi pesca l’inserimento di Virli che da posizione defilata scarica un bel diagonale sinistro che non lascia scampo al portiere ospite. La Pescatori Ostia non riesce a reagire e al 21’ la Lepanto sfiora il tris: Bianchi riceve palla al limite dell’area di rigore, si libera del diretto marcatore e scarica un destro a giro che termina di poco alto. Passano pochi minuti e gli ospiti, un po’ a sorpresa, trovano il pareggio. Punizione scodellata in mezzo dalla fascia sinistra, la difesa di casa si dimentica Masciangelo che con un destro al volo gonfia la rete. La Lepanto non vuole però mollare e al 43’ si porta nuovamente in vantaggio. Sbraglia mette la sfera in mezzo all’area per Virli che di testa serve Sina, il numero 16 controlla e con il destro buca D’Angelo realizzando l’importantissimo 3 - 2. É l’ultimo brivido di una grande partita che la Lepanto riesce a far propria, ma decisamente con troppa fatica considerando il gran numero di occasioni costruite dalla formazione di Santececca.