Notizie

Linea B della metro, tensione alle stelle per un treno guasto

Ripristino tempestivo nell’ora di punta: nei giorni scorsi nuovo intervento per arginare un’utenza ormai da far-west



Linea B, tensione alle stelleIn questi giorni la linea B della Metropolitana di Roma ne sta sperimentando un po’ di tutti i colori nel quotidiano ed arduo mantenimento della piena efficienza del proprio servizio. L’ultimo episodio in ordine di tempo si è registrato stamane sulla linea B, direzione Laurentina, nel pieno dell’orario di punta: intorno alle otto del mattino un sovraccarico di passeggeri particolarmente importante ed irriducibile a partire dalla stazione metro di Monti Tiburtini ha fatto si che il dispositivo automatico di chiusura delle porte dei vagoni andasse presto in tilt, costringendo il personale di Stazione ad evacuare il treno all’altezza della Metro di Tiburtina F.S. . Spintoni, improperi e tensione generalizzata hanno accompagnato le operazioni che, tuttavia, hanno permesso di risolvere i disagi sulla rete di trasporto interessata nel giro di una ventina di minuti, grazie anche al sopraggiungimento immediato di due treni successivi, che hanno permesso di drenare l’immane flusso di passeggeri che si era a questo punto assiepato lungo la banchina della metro di Roma-Tiburtina. Ma non è un caso isolato: a detta di molti pendolari che fanno uso quotidiano della tratta, guasti del genere si verificano ciclicamente e tutto questo non a causa di criticità da parte del servizio offerto, bensì a causa della diffusa maleducazione dei pendolari stessi, spesso causa dei guasti alle porte dei treni proprio per il desiderio di infilarsi ad ogni costo all’interno di vagoni già stipati all’inverosimile. A ciò si aggiunge un altro fatto, che ormai fa capire quanto la situazione dell’utenza dei servizi pubblici sia un Far West dove personale e Forze dell’ordine siano costrette a misurarsi a cadenza giornaliera: nei giorni scorsi due nomadi con precedenti penali per furto e ricettazione si sono addentrate con un carrello carico di ottanta chili di rame all’interno della linea B. Tempestivo l’intervento dei vigili urbani del Gssu (Gruppo Sicurezza Sociale Urbana) in servizio in borghese per il regolare pattugliamento antiborseggio: le nomadi sono state fermate, accompagnate al centro di identificazione e denunciate. Ulteriore denuncia scatterà se il materiale sequestrato ed ora in corso d’esame, risulterà rubato.