Notizie

Lo sciopero delle FS è terminato: ma i disagi in Roma Tpl e Metro continuano

L'azienda che gestisce i trasporti periferici della Capitale prosegue la propria agitazione a spada tratta: ieri intanto gravi episodi di disagio per i pendolari della linea B della metropolitana e della della ferrovia Roma-Cassino



© Margherita Ragonesi


Sta proseguendo ad oltranza la protesta che vede coinvolta Roma Tpl e che sta paralizzando tutta la zona a nord della Capitale. Nella giornata di oggi si sono verificati nuovamente una serie di disagi su 90 linee bus della citta'. In particolare, le linee 08, 011, 013, 017, 018, 022, 023, 024, 025, 027, 028, 030, 031, 032, 035, 036, 037, 039, 040, 041, 042, 050, 051, 054, 057, 066, 086, 078, 088, 135, 146, 213, 218, 226, 235, 339, 340, 343, 344, 441, 444, 445, 447, 502, 503, 505, 543, 546, 548, 552, 557, 657, 660, 663, 665, 701, 702, 710, 711, 720, 721, 763, 767, 771, 775, 777, 778, 787, 789, 808, 889, 892, 907, 908, 912, 914, 982, 985, 992, 993, 998, 999, 013D, 701L, 703L, C1 e C19 non hanno circolato, mentre la linea 764 è risultata fortemente rallentata. Come previsto non si sono verificati problemi sulle linee 044, 053, 055, 056, 048, 049, 059, 314, 349, 404 e 437, che hanno proseguito regolarmente il servizio, così come le reti Atac e Cotral. Situazione ancora molto complessa anche per la linea B della metropolitana. Alla mattinata di ieri risale l'episodio più grave, accaduto intorno alle 8,30: fortissimi ritardi sono seguiti alla riduzione del numero di treni circolanti, alcuni dei quali hanno patito guasti proprio durante il normale servizio. Particolarmente critica la situazione a Roma Tiburtina, dove si è formato un massiccio assembramento di passeggeri, molti dei quali lavoratori e pendolari, che nel corso di circa trenta minuti hanno visto lievitare a dismisura i tempi di attesa e di ripartenza dei convogli. Forte e comprensibile l'esasperazione di quest'ultimi i quali, dopo aver dovuto ripiegare su mezzi di superficie o mezzi propri.  hanno dato sfogo al proprio disappunto sui principali social network, fin dai primi minuti dell'emergenza. A partire dalle ore 18 invece è terminato lo sciopero nazionale delle Ferrovie dello Stato, che comunque ha causato anch'esso numerosi rallentamenti su tutto il territorio nazionale: per il Lazio c'è da registrare un episodio increscioso accaduto ieri sera sulla tratta Roma-Cassino, dove il regionale delle 18.07 - direzione Caserta - è arrivato a Ciampino con oltre mezzora di ritardo. Una volta giunta in stazione, la flotta di oltre mille viaggiatori è stata fatta salire su un secondo treno, già colmo all'inverosimile, causando un tale aumento della tensione da comportare il blocco dei binari da parte dei pendolari. Tutto è rientrato quando, su proposta di un passeggero, il regionale partito da Roma alle 19.07 ha effettuato una sosta straordinaria a Ciampino, proseguendo poi oltre il suo capolinea, in direzione Caserta.