Notizie
Categorie: Giovanili - Juniores

Lo Sporting Città di Fiumicino e il Focene salutano il campionato Juniores Primavera: la crisi colpisce anche il settore giovanile

Niente iscrizione per la prossima stagione e Bisegna, Di Giulio e mister Nello Scognamiglio salutano il club nerazzurro



Focene, Juniores PrimaveraCittà di Fiumicino e Focene, maledetta PrimaveraMolte cose stanno cambiando nel panorama calcistico regionale, e non sempre verso il meglio. Alle rinunce-choc di club storici a iscriversi ai campionati di punta cui si sta assistendo in questi giorni, si aggiungono segnali altrettanto sconfortanti che arrivano da categorie minori, ma non per questo meno importanti e competitive.

Parliamo di due realtà del girone A del campionato Juniores Primavera: Sporting Città di Fiumicino e Focene. Entrambe, al di là del piazzamento ottenuto al fotofinish (quarto posto per i tricolori e settimo per i nerazzurri), indice di un campionato comunque dignitoso e combattuto, si sono distinte in questi anni per un impegno che travalica il settore della Primavera, e per il contributo offerto al nostro calcio in termini di selezione e crescita di tanti giovani talenti. Ma la fase difficile in cui versa il Paese si ripercuote naturalmente sullo sport, mettendo a dura prova realtà che spesso vivono di tanta passione ma risorse limitate.

Probabilmente c'è proprio questo alla base della scelta del Città di Fiumicino, che ha deciso di dire addio al campionato Primavera, considerato eccessivamente dispendioso in un momento in cui la necessità di sopravvivere, anche nel calcio, impone di serrare i ranghi e stringere i denti. I due gruppi Juniores quindi saranno accorpati, a partire dalla prossima stagione, in uno solo che andrà a disputare il campionato Regionale, e da lì tentare la scalata all'Elite.

Più delicata la vicenda che ammanta di incertezza il futuro del Focene. Il club nerazzurro, piccola ma agguerrita realtà, vera rivelazione di questi ultimi anni, ha saputo imporsi in varie categorie e su molti avversari anche blasonati, rendendo il Nannini fra i terreni più ostici del quadrante nord della nostra regione. Ma la grinta non basta in una fase come questa, e la società si trova ad affrontare un momento di incertezza che ha fatto prendere a dirigenti importanti scelte sofferte ma, a quanto pare, inevitabili. Salutano il club aeroportuale infatti Pietro Di Giulio, Giampiero Bisegna e mister Scognamiglio, azzerando di fatto lo staff tecnico di un gruppo Primavera che sarà difficile ritrovare nella griglia di partenza della prossima stagione. Un duro colpo per un settore che aveva fatto molto bene nella già sorprendente realtà nerazzurra dove, fonti informate, danno a rischio l'intero settore agonistico, fino a mettere in serio dubbio persino l'iscrizione della prima squadra al prossimo campionato di Promozione. Una partenza certa, quella del trio tecnico ex nerazzurro, verso una destinazione di giorno in giorno sempre più concreta: il Fiumicino Calcio. Il club rossoblu infatti sembra intenzionato ad assicurarsi i tre dirigenti per quello che si configurerebbe di fatto come un ritorno, visto che proprio da lì partirono tre anni fa Bisegna, Di Giulio e Scognamiglio per approdare alla vicina Focene.

Il 'darwinismo calcistico' in atto, causato dalla crisi, miete dunque nuove vittime. Stavolta ne fa le spese un campionato Primavera, il prossimo, sul quale spiccano davvero poche certezze.