Notizie

Lodigiani e De Rossi, ora si può solo vincere

I biancorossi hanno il fiato di Lazio e Futbolclub sul collo. All'undici di Belli il pari con l'Anziolavinio non può bastare. Urbetevere e Ostiamare festeggiano la matematica certezza delle finali



Tutto, o quasi, come da pronostico. Solo un paio, seppur di quelle mica da ridere, le eccezioni rispetto a quanto era lecito aspettarsi da questo weekend. Nessun sussulto nel girone A, dove l'unico appunto è da fare alla Polisportiva De Rossi che non può accontentarsi del punto guadagnato contro un già retrocesso Anziolavinio. Dal gruppo B arriva la sorpresa più grossa. Il ko della Lodigiani riapre con prepotenza la corsa al terzo posto per la gioia di Futbolclub e soprattutto della Lazio.

De Rossi, così non ti salvi. Se in alta quota le big hanno fatto tutte il loro dovere, lo stesso non è accaduto nella zona salvezza. L'1-1 tra De Rossi e Anziolavinio rappresenta infatti un risultato che, vista proprio la posizione dell'undici di Belli, non può certamente andar bene ai padroni di casa. Con i portodanzesi già retrocessi, e l'Atletico 2000 impegnato con l'Urbetevere, la De Rossi ha perso un'occasione d'oro per rosicchiare punti fondamentali nella corsa al mantenimento della categoria. Dal fondo della classifica poi era decisamente preventivabile il ko del Pomezia contro un Ladispoli stavolta esagerato. I tirrenici hanno segnato addirittura dieci reti in una vittoria che fa morale ma che non aiuta a scalare la classifica. Savio e Vigor continuano infatti a non perdere colpi con i ragazzi di Caranzetti, vincenti per 3-0 contro il Civitavecchia, che tengono a distanza di sicurezza i blues praticamente perfetti nel 5-0 sull'Aurelio. A non sbagliare è anche l'Ostiamare di Ranese che può festeggiare il matematico accesso alle finali grazie al bel 3-2 sull'Aprilia. Ennesima buona prova per l'undici di De Min che sta disputando un grande finale di stagione ma che è partito decisamente troppo tardi per poter sognare un possibile post season. A chiudere infine il weekend ci pensa la Romulea che non delude grazie al sonoro 4-0 contro il San Paolo Ostiense.

La Lazio ha la Lodigiani nel mirino © Photosportroma.itLodigiani, un ko pericoloso. A rubare la scena nel Girone B, per una volta, non sono i soliti colossi. Questa volta il colpo di scena lo regala l'Accademia Calcio Roma che inguaia non poco la Lodigiani. Il passo falso dell'undici di Scardini riapre prepotentemente la lotta per il terzo posto con Futbolclub e soprattutto Lazio ormai lontane solamente una manciata di punti. Gli orange stendo infatti il Pro Roma grazie ad un exploit di Rezzi che si conferma come uno degli elementi più interessanti della formazione di Augusto. Un punto più su c'è però la rinata Lazio di De Cosmi. I biancocelesti, grazie anche ai prestiti illustri dagli Allievi Lega Pro, vincendo con la Vigili Urbani arrivano a sole tre lunghezze da una Lodigiani che ora deve guardarsi decisamente negli specchietti. Davanti a tutti, Certosa e Tor Tre Teste non perdono il passo nonostante le finali già in cassaforte. Torretti e i suoi si impongono su un ottimo San Lorenzo, dove spicca l'ottima prova del solito Cimei, mentre la compagine di Di Nunno non fa sconti e asfalta il Rieti con un sonoro 5-0. La caduta amarantoceleste tiene vive le speranze del Villanova che battendo il già retrocesso Montefiascone diminuisce a sei i punti di svantaggio dall'ultimo posto utile per restare in Elite. A Persia serve un miracolo ma, e lo scivolone della Lodigiani ne è la prova, nel calcio non bisogna dare nulla per scontato.