Notizie
Categorie: Altri sport

Luca Politano, new entry in casa Frascati, si racconta

"Starà a me continuare il lavoro svolto da altri tecnici in passato e provare a far crescere queste atlete"



Luca PolitanoTra i nuovi tecnici della stagione 2014-15 del Volley Club Frascati c’è anche Luca Politano. Ex coach della Seconda divisione/Under 18 del Ciampino, l’allenatore si troverà a dirigere una delle squadre maggiori del club tuscolano. Il gruppo che ha già iniziato ad allenare, infatti, giocherà sicuramente il campionato Under 16 femminile e poi si “districherà” in un campionato di categoria superiore (Prima o Seconda divisione). "L’organico a mia disposizione – sottolinea Politano – è ancora in via di ultimazione, ma sarà certamente molto giovane e proverrà praticamente in toto dal vivaio del Volley Club Frascati. Starà a me continuare il lavoro svolto da altri tecnici in passato e provare a far crescere queste atlete". Per Politano si è trattato di un ritorno a Frascati. "Ho militato nel Volley Club pochi anni fa, ma nelle vesti di giocatore. Quando è nata questa idea, sono stato subito entusiasta. Ne abbiamo parlato con il direttore sportivo Ivano Di Giacobbe, col quale mi conosco da una vita, e abbiamo concretizzato il mio approdo qui. Non nascondo, inoltre, che lavorare con un grande tecnico come Paolo Collavini è stato per me uno stimolo molto forte: l’anno di crescita e di apprendimento non sarà solo per le ragazze, ma anche per il sottoscritto". A maggior ragione se si pensa che il gruppo di Politano dovrà avere come obiettivo principale quello di “costruire” atlete valide, a breve termine, per le categorie maggiori (la serie D di coach Cifali e la B2 dello stesso Collavini). E anche se il gruppo di Politano ha cominciato da poco gli allenamenti pre-campionato, le sensazioni del tecnico sono positive. "Indubbiamente c’è tanto da lavorare – rimarca l’allenatore -, ma ho trovato una grande disponibilità da parte delle ragazze. In questo periodo stiamo già lavorando col pallone, anche perché essendo queste atlete molto giovani non ha senso fare un lavoro atletico molto approfondito e pesante. Sono fiducioso perché vedo un gruppo valido e pronto al sacrificio".