Notizie
Categorie: Dilettanti - Serie D

Lupa Castelli avanti, ma che paura! Budoni battuto ai calci di rigore

Al Montefiore di Rocca Priora, la compagine di Apuzzo stacca il pass per i sedicesimi di finale di Coppa Italia



LUPA CASTELLI ROMANI - BUDONI 0-0 (5-4 dcr)

LUPA CASTELLI Tassi 6.5, Fantini 5.5, Colantoni 7, Traditi 5.5 (43’pt Mattoni 6), Gordini 6.5, Galluzzo 6, Boldrini 6.5, Icardi 6, Tranchitella 5.5 (1’st Nohman 5), Conti 5.5, R. Montesi 6 (12’st Siclari 6) PANCHINA Scarfagna, Baylon, De Gol, Fiore, Della Ventura, Bertoldi ALLENATORE Apuzzo 

BUDONI Rampi 7, Ibba 5.5, Nyamekeh 6, Nnamani , Moretto, Corsini, De Rosa (6’st Mastio), Giunta, Caggiu (21’st Corda), Fontanella, Di Prisco PANCHINA Sanna, Saiu, Salvini, Mascaro ALLENATORE Cerbone 

ARBITRO Massara di Reggio Calabria, 6 

ASSISTENTI Pappagallo di Molfetta, Catallo di Frosinone 

NOTE Ammoniti Gordini, Boldrini, De Rosa, Siclari Sequenza rigori Giunta (B) gol; Boldrini (L) gol; Corsini (B) gol; Nohman (L) gol; Nyamekeh (B) gol; Icardi (L) gol; Di Prisco (B) parato; Conti (L) gol; Fontanella (B) gol; Siclari (L) gol.  

Al Montefiore di Rocca Priora esulta la Lupa Castelli Romani del presidente Virzi, che batte il Budoni e stacca il pass per i sedicesimi di finale di Coppa Italia di Serie D. Una vittoria col brivido per la squadra di Mario Apuzzo che ottiene il suo primo successo sulla panchina castellana dopo la lotteria dei calci di rigore. La gara, finita 0-0 al termine dei 90’, ci permette di tirare le prime somme: la Lupa Castelli in difesa è imperforabile, tanto che nessuno fino a questo momento è riuscito a segnare al portiere Tassi. In avanti però, c’è ancora molto da lavorare. I giallorossi, infatti, hanno siglato appena due gol in quattro partite, troppo poco per le ambizioni della società.


La battuta di Simone Icardi ©GAZZETTAREGIONALELa gara. Tanto turnover per mister Apuzzo che decide di lasciare in panchina Nohman, Siclari, Bertoldi e ancora una volta De Gol; dentro Conti, Tanchitella, Riccardo Montesi e Fantini (che sostituisce Di Nezza indisponibile). Dopo il pronti-via i ragazzi di casa cercano di prendere subito in mano le operazioni, ma la prima occasione da gol è sarda, con la conclusione da fuori di Fontanella che impegna Tassi alla respinta con i pugni. La Lupa Castelli Romani fa la partita mentre il Budoni predilige le soluzioni da fuori, ed è proprio con una di queste che al 20’ sfiora il vantaggio: grandissima botta di Caggiu dai 25 metri con la palla che centra in pieno la traversa, facendo scorrere un bel brivido lungo la schiena di Tassi. I giallorossi, così come nell’ultima uscita, faticano a trovare la via del gol, manca sempre l’ultimo passaggio e non resta che affidarsi dunque ai calci piazzati. Al 41’ Montesi disegna una traiettoria perfetta direttamente su punizione, ma la sfera colpisce la base del palo. Insomma, in questi casi anche un pizzico di fortuna in più aiuterebbe. I minuti scorrono e al 43’ la Lupa Castelli sarà costretta ad operare il primo cambio, fuori Traditi per un problema alla spalla, dentro il giovane Mattoni. Nella seconda frazione altra sostituzione: mister Apuzzo rileva uno spento Tranchitella e getta nella mischia bomber Nohman, che al 17’ getterà al vento un’occasione colossale: Boldrini centralmente illumina e trova un varco perfetto per il numero 18 che tutto solo spara addosso al portiere per la disperazione dei tifosi. Adesso la squadra di Apuzzo spinge forte ma troverà di fronte a sé un super Rampi: l’estremo difensore sardo al 26’ respingerà prima una bella conclusione in area di Boldrini e poi, sulla conseguente respinta, si avventerà come un falco sul tap-in di Nohman. Adesso al Budoni non rimane che aggrapparsi al suo portiere. La Lupa Castelli ora meriterebbe davvero il gol, ma al Montefiore sembra esserci una vera e propria maledizione: al 34’, Colantoni (il migliore in campo) pennella una palla splendida dalla sinistra per Nohman, che appostato sul secondo palo sbaglia clamorosamente il colpo di testa: una giornata decisamente no per l’ex Pontedera. Dopo due minuti di recupero l’arbitro decreta la fine della seconda frazione, si va ai rigori. Sorride mister Apuzzo, il biglietto vincente è nelle sue mani. Super Tassi respinge il rigore di Di Prisco e Siclari realizza quello decisivo: il Budoni abbandona la Coppa, la Lupa invece può continuare a sognare.