Notizie
Categorie: Giovanili - Giovanissimi

Mamma che Urbetevere! I gialloblu si prendono la finale

I ragazzi di Gianluca Lillo stendono 2-0 la Lodigiani e si giocheranno il titolo regionale contro il Savio di Guglielmo



LODIGIANI -URBETEVERE 0-2
MARCATORI Zappalà 3’pt, Bartolotta 33’pt 
LODIGIANI Mattia 6, Petroni 6, Walser 5.5, Obleac 5.5 (17’st Pisanelli 5.5), Ambrogioni 6 (28’st Palazzi sv), Caiafa 4.5, De Carlo 5 (1’st Butò 6.5), Di Mascio 6.5, Pompa 6 (17’st Ciccotti 6), Riolo 5.5 (6’st Bianchi 5.5), Lico 5.5 (22’st Colaneri 5.5)  PANCHINA Arsene ALLENATORE Rivetta 
URBETEVERE Carolis 6.5, Paola 5.5, Chirilenco 6, Capparella 6.5 (17’st Campo 6), Limeli 6.5, Mengoni 6.5, Zappalà7.5  (11’st Cipriani 6.5), Santarelli 6 (19’st Monaldi 6.5), Mezzetti 6 (17’st Tumminiello 6), Bartolotta 7 (29’st Ferretti sv), Parventi 6 (1’st De Marchis 6) PANCHINA Colagrossi ALLENATORE Lillo

NOTE Ammoniti Capparella, Tumminiello, Walser, Ciccotti Angoli 6-2 Rec. 2’pt – 4’st  

Cercavamo la seconda regina ed eccola qua. L’Urbetevere di Gianluca Lillo sbanca il centro sportivo della Borghesiana ed accede alla finalissima di Albano, dove i gialloblu si giocheranno il titolo regionale contro il Savio di mister Guglielmo. I ragazzi di via della Pisana hanno steso con un secco 2-0 la Lodigiani al termine di una gara quasi perfetta. Non sarà bellissima da vedere, ma è cattiva, spietata e soprattutto non ti perdona mai. Lo sa bene la compagine biancorossa, che abbandona le fasi finali con un pizzico di amarezza per un calcio di rigore gettato al vento a inizio ripresa. Nonostante la sconfitta però, va fatto un grandissimo applauso ai ragazzi di Luca Rivetta che hanno disputato comunque una stagione di altissimo livello.  

L'Urbe in finale @photosportroma.itSubito la magia. Dopo il fischio iniziale dell’arbitro si comincia e l’approccio dell’Urbetevere è devastante, tanto che il vantaggio arriva dopo appena tre minuti: siluro da fuori di Zappalà che non perdona Mattia e 0-1. Inizio da favola quindi per i gialloblu di mister Lillo, bravi nello sbloccare immediatamente la gara  proprio come ai quarti con il Tor di Quinto, tra l'altro sempre con lo stesso marcatore. La Lodigiani, nonostante la doccia fredda, cerca di ricompattarsi e organizzare una reazione, ci prova al 12’ Petroni con una punizione a giro, sfera tra le braccia di Carolis. L’undici di casa cerca di prendere il pallino del gioco ma in fase di ripartenza l’Urbetevere è pericolosissima e al 15’ Bartolotta, lanciato benissimo da Parventi, sfiora il pareggio in spaccata, bravissimo nella circostanza Mattia in uscita bassa. La gara è molto piacevole, si lotta su ogni pallone e il gol potrebbe arrivare da un momento all’altro. Siamo al minuto 17, calcio d’angolo battuto da Di Mascio per i locali, Ambrogioni in area prova la rovesciata, la sfera carambola dalle parti di Pompa che non trova il tempo giusto e spreca tutto da pochi passi. I ragazzi di Rivetta manovrano bene il pallone. Tuttavia, nonostante un buon possesso palla, i biancorossi appaiono troppo spreconi in fase offensiva. Tutto il contrario l'Urbetevere, spietata come non mai. Al 33’, infatti, Bartolotta si avventa su un bruttissimo passaggio in orizzontale del difensore Caiafa, vince un rimpallo e a tu per tu con il portiere non sbaglia: 2-0, squadre al riposo.
 
Mister Gianluca LilloL’occasione per riaprila. Con la cronaca passiamo direttamente alla seconda frazione di gioco, che si apre nel migliore dei modi per la Lodigiani: contatto in area tra Paola e Butò, l’attaccante appena entrato va giù e l’arbitro non ha dubbi. Calcio di rigore. Obleac dal dischetto apre il piattone, ma la palla finisce alta per la disperazione dei padroni di casa. Un errore che non ci voleva per il regista biancorosso, questa occasione infatti spegne un po’ la luce in casa Lodigiani, ora moralmente a terra. L’Urbetevere prova subito ad approfittarne, mister Lillo passa dal 4-3-3 al 4-4-1-1 e comincia così il lungo valzer di cambi: per i gialloblu dentro Cipriani e De Marchis al posto di Zappalà (migliore in campo) e Parventi. Rivetta invece, dopo aver cambiato dal primo minuto De Carlo con Butò, rileva anche Riolo per far posto a Bianchi. Insomma, la partita è molto spezzata, i padroni di casa non sembrano avere la forza di ribaltare o quantomeno pareggiare una gara che con il passare dei minuti si fa sempre più in salita: al 20’ prova a dare la scossa Pisanelli, la cui conclusione termina alta sopra la traversa. Stesso destino per il tiro di Ciccotti che sugli sviluppi di un calcio d’angolo manca il bersaglio grosso. Le lancette ormai indicano che siamo nel recupero, mister Rivetta continua ad incitare i suoi, ma il tempo è tiranno e dopo quattro minuti di recupero il direttore di gara dichiara la fine delle ostilità. L’Urbetevere di Gianluca Lillo si prende la finale di Albano.