Notizie
Categorie: Dilettanti - Eccellenza

Mantineo - Laghigna, il Nettuno fa bottino pieno

Sconfitta una buona Audace Sanvito Empolitana, che avrebbe meritato qualcosa in più



15a Giornata - 14 dic 2014
2 - 0

MARCATORI Mantineo 30’ st, Laghigna 42’ st 

NETTUNO Giudice, Salvini (13’ st Vona, 33’ st Ranieri), Tell, Federico (16’ st Conciatori), Scardola, Mantineo, Porcari, Loria, Laghigna, Frasca, Dell’Aguzzo PANCHINA Cardinale, Maimone, Mancini, Cassandra ALLENATORE Catanzani 

AUDACE SANVITO EMPOLITANA Di Stefano, Alongi, Covetti, Lucatelli, Dall’Armi, Tremiterra, Quaresima, La Terra, Meacci, Ammassari, Cascio (27’ st Mastropietro) PANCHINA Saccucci, Raffaelli, Aquino, Chimeri, Pieri, Zagalia ALLENATORE Ferretti 

ARBITRO Campobasso di Formia

ASSISTENTI Verolino di Ciampino e Mari di Roma 2 

NOTE Espulso al 33’ st Scardola (N) per doppia ammonizione Ammoniti Frasca, Tremiterra, Dell’Aguzzo, Alongi, Meacci Rec. 1’ pt, 3’ st

Laghigna, in golIl Nettuno nella ripresa riesce ad ottenere l’intero bottino contro una buona Audace Sanvito Empolitana che avrebbe meritato qualcosa in più. Buona partenza dei padroni di casa, che si rendono pericolosi con un tiro di Porcari parato da Di Stefano. Si vedono gli ospiti con una punizione di Ammassari che Giudice non trattiene, poi Scardola spazza. Il Nettuno va vicino al vantaggio al 35’ con una conclusione di Loria che esce di un soffio, poi allo scadere una punizione di Frasca termina di poco alta. Nella ripresa, al 7’, Meacci ha una buona chance su suggerimento di Quaresima, ma tira centralmente, poi ci prova Dall’Armi al 22’ ma non trova lo specchio. Spingono gli ospiti che tre minuti dopo vanno vicinissimi al vantaggio, ma Giudice è bravissimo a dire di no a Meacci sugli sviluppi di una punizione battuta da Tremiterra. Alla mezz’ora c’è il vantaggio del Nettuno, con Mantineo che mette dentro di piatto una punizione battuta da Frasca. Il gol è una doccia fredda per l’Audace, che rischia di capitolare ancora al 37’ quando Laghigna di testa devia un cross di Tell, ma la sfera esce di un nulla. Il bomber si rifà al 42’, quando su un rinvio di Ranieri mette dentro con un bel pallonetto su Di Stefano per il definitivo 2-0.