Notizie
Categorie: Giovanili - Allievi

Mastriani risponde a Filitti: pari e patta tra Albalonga e Fortitudo Roma

Castellani avanti nel primo tempo su calcio di rigore, poi l'esterno di Basoccu pareggia i conti a inizio ripresa



ALBALONGA - FORTITUDO ROMA 1-1

MARCATORI Filitti 30’pt rig. (A), Mastriani 1’st (F) 

ALBALONGA D’Agapiti 7, Persichilli 6, Schiavoni 6, Bulckaen 6 (7’st Rubimarca 6), Fabrini 6.5, Gasperini 6, Belfiori 6 (34’st Gaspari sv), D’Angeli 6.5, Filitti 7, Di Felice 6, Muretti 6 (15’st Strano 6) PANCHINA Sabetta, Toma, Rocchi, Di Natale ALLENATORE Pucciarelli 

FORTITUDO ROMA Filippo 6.5, Basoccu 6.5, Tocci 6 (25’st Sileno 6), Cosseddu 6, Feressini 5.5 (37’pt Cantone 6), Di Toma 6.5, Mastriani 7, Zara 6 (21’st Gucino6), Martella 6 (29’st Adrian), Silva 6.5, Corazza 6  PANCHINA Matacini, Gualandri, Caiazza ALLENATORE Basoccu

ARBITRO d’Annolfo di Cassino, 6 

NOTE Ammoniti Gasperini, Di Toma, Silva Angoli 2-4. Rec. 2’pt – 5’st   


Ottanta minuti di battaglia, due gol e un punto per uno. Questa la sintesi di Albalonga - Fortitudo Roma, che al Comunale di Pavona non vanno oltre l’1-1 e si dividono la posta in palio al termine di una partita piacevole ed equilibrata. Certo, in termini di occasioni da gol i castellani avrebbero meritato qualcosa di più, ma anche D’Agapiti ha avuto il suo bel da fare e ha compiuto un paio di parate determinanti per il risultato. 

Un'azione di gioco ©GAZZETTAREGIONALEIl match. Dopo il fischio iniziale del sig. D’Annolfo di Cassino, il primo squillo dell’incontro è di marca ospite: al 2’ Mastriani trova il varco giusto per Zara che all’altezza del vertice destro dell’area piccola cerca la conclusione sul primo palo, ma la sfera termina sul fondo. La risposta dei padroni di casa arriverà al 20’, con Bulckaen che spedisce alto un colpo di testa da buona posizione dopo un bel cross di D’Angeli: l’Albalonga con il passare dei minuti cresce, riesce a gestire il possesso palla e intorno alla mezz’ora si guadagnerà un calcio di rigore concesso dall’arbitro per atterramento in area di Filitti (penalty generoso). Dal dischetto va proprio il numero 9 che spiazza Filippo e 1-0. La Fortitudo Roma sembra accusare il colpo e quattro minuti dopo i castellani sfiorano il raddoppio ancora con Filitti che approfitta di uno svarione difensivo di Feressini, si presenta a tu per tu con l’estremo difensore ospite, ma Filippo lo ipnotizza e riesce a respingere il tiro a botta sicura. Un’occasione d’oro per l’Albalonga che poco prima della pausa rischia grosso: a seguito di una punizione sulla sinistra, infatti, Martella svetta benissimo in area a pochi passi dalla porta, ma non riesce a inquadrare la porta per la disperazione dei compagni. Negli spogliatoi le parole di mister Basoccu funzionano e la ripresa si apre nel migliore dei modi per la Fortitudo che pareggia dopo neanche un minuto: Corazza si libera in area, conclude ma colpisce il palo. Sulla ribattuta va Silva e incredibilmente un giocatore castellano respinge sulla linea, ma poi arriva Mastriani, che in gran carriera spedisce in fondo al sacco per l’1-1. Adesso la partita è avvincente, al 15’ Muretti si fa tutta la fascia sinistra, si accentra ma invece di scaricare dietro cerca la conclusione e la parata di Filippo è delle più facili. La Fortitudo non sta a guardare e intorno al 20’ sfiorerà il vantaggio: sulla sinistra Cosseddu pennella una grande palla al centro per Martella, che colpisce a botta sicura da posizione ravvicinata ma la parata di D’Agapiti è semplicemente strepitosa e l’azione sfuma. Passata la paura, l’undici di mister Pucciarelli si riversa nella metà campo avversaria e sfiora il gol in due circostanze: la prima, al 32’, con Belfiori che servito splendidamente da D’Angeli cerca il gol di spalla non trovando la porta completamente solo in area. La seconda invece al 36’ e sarà bravissimo ancora Filitti che si costruisce l’azione da solo, salta un difensore, anche il portiere, ma la sua conclusione viene miracolosamente respinta sulla linea. Adesso l’Albalonga meriterebbe la vittoria, ma anche l’ultima occasione, ovvero un tiro di Di Felice, verrà neutralizzata dal portiere. Dopo cinque minuti di recupero l'arbitro manda tutti sotto la doccia.