Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Regionali

Match pirotecnico al Marconi: il Real Podgora cede al Gaeta 8-7

La formazione pontina incassa la prima sconfitta stagionale. Inutile la tripletta di Ciuffa per i padroni di casa



REAL PODGORA – COUNTRY CLUB GAETA 7-8 (2-3 pt)


MARCATORI
 2’ Pinna (R), 9’ Corona (G), 19’ Bacoli (R), 23’ Macone (G), 32’ De Falco (G), 4’st Zacchino (R), 5’st Corona (G), 6’st De Santis (G), 12’st Sorrentino (G), 17’st Corona (G), 24’st Ciuffa (R), 25’st De Santis (G), 26’st Ciuffa (R),  29’st Rizzato (R), 30’st Ciuffa (R)

REAL PODGORA Ciarla, Compagni, Altobello, Pinna, Ciuffa, Piovesan, Rizzato, Bacoli, Barbierato, D’Uva, Zacchino, Cristofoli ALLENATORE Paccassoni

C.C.GAETA Grasso, La Croix, De Santis, Zizzi, Macone, Macari, De Falco, Bartolomeo, Guerra, Sorrentino, Corona, D’Andrea ALLENATORE Valente

ARBITRO Savoca di Roma 2

Edoardo CiuffaGara bella, combattuta, piena di spunti ed emozioni ma alla fine è il Gaeta che festeggia con un 8-7 che fino all’ultimo secondo ha tenuto gli spettatori del Marconi con gli occhi sul campo. Il big-match della quinta giornata non delude le attese e regala una partita di grande spessore mettendo in archivio la prima sconfitta in campionato per il Real Podgora. Che la gara sarebbe stata emozionante lo si capisce al primo minuto con il palo colpito da Macone e l’immediata reazione dei padroni di casa con il tiro di Pinna respinto da Grasso. Dopo soli due minuti è ancora l’ultimo dei padroni di casa ad essere protagonista, stavolta con il gol che vale l’1-0. La partita è intensa perché dopo qualche ribaltamento di fronte arriva il pareggio dei biancorossi con un tiro da posizione defilata di Corona. Il Podgora è in partita e sa far male in ogni zona del campo. Al 10’ break di Zacchino che dalla destra impegna severamente Grasso con un bel diagonale mentre un minuto più tardi è Cristooli a catturare la scena con un tiro terminato di poco a lato ed una superoccasione dal limite che ha trovato Grasso attento tra i pali. Se il Podgora è in partita il Gaeta non è da meno sempre molto attento nella ripartenze come al 12’ con l’incrocio dei pali esterno colpito da capitan Sorrentino. A metà del primo tempo è l’equilibrio a farla da padrona perché le azioni arrivano da una parte e dall’altra come tra il 13’ ed il 15’ con il palo esterno colpito ancora da Sorrentino seguito poi da un gran tiro dalla distanza di Cristofoli deviato in angolo. Al 19’ il Podgora torna in vantaggio grazie ad un’azione di rimessa perfetta di Bacoli conclusa con un gran sinistro sotto l’incrocio dei pali. I biancazzurri cercano di far loro la partita ma dopo il grande intervento di Grasso su un missile di Barbierato arriva il 2-2 firmato Macone. Il primo tempo può chiudersi sul risultato di parità ma, a pochi secondi dallo scadere, De Falco sfrutta al meglio una palla arriva dalla destra portando in vantaggio i suoi. Nella ripresa il Real Podgora sembra partire forte perché in pochi minuti sfiora il gol con Cristofoli e raggiunge il pari poco dopo con Zacchino, servito alla perfezione da Bacoli. Un pari per riprendere alla grande la gara ma in soli due minuti arriva il crollo con i gol di Corona e De Santis che portano sul doppio vantaggio il Gaeta. È un momento difficile per i padroni di casa che rischiano continuamente sulle avanzate della squadra di Valente. Al 12’ arriva la reazione ma la legge del calcio a volte è amara e dal possibile 4-5 con Corona che salva sulla linea arriva il 6-3 di Sorrentino con un contropiede fulmineo. Un gol duro da digerire tant’è che il Country Club ne approfitta portandosi sul 7-3 grazie ancora a Corona bravo a rubare palla e battere Ciarla. Incassato l’ennesimo gol il Podgora ricomincia a macinare gioco e rialzare la testa dimostrando il solito carattere. I padroni di casa attaccano ma il Gaeta sa chiudersi bene come al 19’ quando nuovamente c’è un incredibile salvataggio sulla linea di porta. Il parziale da rimontare resta di tre gol anche dopo il 25’ quando Ciuffa e De Santis segnano portando il risultato sull’8-4 per gli ospiti. Altobello e compagni però non mollano la presa cercando di prendere d’assedio la metà campo biancorossa. Al 26’ Ciuffa trova ancora la via giusta per il gol che riaccende la speranza mentre due minuti più tardi Rizzato copre bene la palla e trova un diagonale perfetto per il 6-8. Quando l’arbitro dà i due minuti di recupero il risultato diventa 7-8 perché nel frattempo Ciuffa ha trovato un altro spunto dal limite firmando la sua personale tripletta. Ad un passo dall’ennesima grande rimonta però il Gaeta riesce a reagire con due braek molto importanti. La squadra di Valente prende tempo, schiva gli ultimi colpi dei biancazzurri e porta a casa una vittoria importante.