Notizie

Mattia, Prce, Pollace: ecco il destino dei 3 alfieri laziali

Il terzetto difensivo biancoceleste è pronto a dividersi, tra Serie B, sogni e conferme



Sarà un anno di completo rinnovamento per la Lazio, dopo il secondo posto ottenuto nella finale persa contro il Torino. Il gruppo verrà pressoché rivoluzionato, per ovvi limiti di età e per richieste da parte del mercato. Nelle ultime ore sono arrivate informazioni sul futuro di tre difensori biancocelesti, Prce, Mattia e Pollace, che per un modo o per un altro non si troveranno più agli ordini di Simone Inzaghi. Con Seck che appare destinato ad orbitare in prima squadra, l'attenzione ricade quindi su questo terzetto: ognuno con le sue ambizioni, ognuno con un destino diverso. 


Da sinistra: Mattia, Prce e PollaceSimone Mattia Il più vicino a rimanere in maglia biancoceleste è uno dei due centrali difensivi. Mattia è stato artefice di un'ottima stagione, vissuta in crescendo e con una final eight da autentico protagonista. Il suo talento è, per ora, rimasto confinato nei ranghi della Primavera, dato che a quanto pare nessuna formazione di A, B o Lega Pro sembra averlo puntato. Mattia molto probabilmente rimarrà alla Lazio e farà da chioccia alla Primavera che verrà. Il ragazzo verra messo a breve sotto contratto e la possibilità di misurarsi sul palcoscenico della Youth League lo esalta. Pioli lo apprezza, ma in prima squadra il ruolo è davvero molto chiuso. 


Franjo Prce Ha lasciato intendere il suo futuro sui media croati. L'altro centrale difensivo della Lazio ci ha messo un po' per riuscire ad emergere, ma si è davvero imposto con l'aquila sul petto. Suo anche il gol che ha tenuto in vita la squadra di Inzaghi nella finalissima scudetto. Prce spera di essere aggregato in prima squadra (ma anche per lui vale lo stesso discorso fatto per Mattia) e potrebbe comunque trovare una sistemazione in prestito: ne ha le qualità e le possibilità. "Mi auguro di poter avere anche io l'opportunità di giocare qualche minuto. Ho solo 19 anni e la mia carriera è solo all'inizio. Il mio sogno è quello di rimanere in prima squadra e avere l'occasione di disputare qualche partita per dimostrare il mio valore". 


Gianluca Pollace Infine, il capitano. Dall'Ottavia alla Lazio il biondo esterno destro classe '95 è diventato un giocatore vero. E' suo l'addio più scontato dell'anno e, a breve, ci saranno i crismi dell'ufficialità. Per lui si stanno spalancando le porte della Salernitana, ormai sempre più club satellite del più antico sodalizio calcistico della Capitale. Primo anno in prima squadra, in attesa di arrivare ben presto a giocare di nuovo con la Lazio, questa volta all'Olimpico...