Notizie
Categorie: Dilettanti - Serie D

Meloni tripletta,vince l'Unicusano Fondi!

Nel primo tempo avanti il Manfredonia con Lenoci, poi il bomber sale in cattedra e chiude i conti: vincono i pontini 3-1.



6a Giornata
3 - 1

MARCATORI 34’ pt Lenoci (M), 44’ pt, 13’ st, 42’ st Meloni (Uf)
UNICUSANO FONDI Saitta, Galasso, Ruggiero, (34’ st Barbato) Martino, Tommaselli, Rinaldi, Alleruzzo, Catinali (37’ st Evangelisti) Angelilli (25’ st Evangelista), Tiscione, Meloni. PANCHINA Calandra, Cappai, Pepe, Ciaramelletti, Sterpone, Ramceschi. ALLENATORE Pochesci
MANFREDONIA De Gennaro, Romeo, Palumbo (1’ st Totaro), Gentile, Vergori, Coccia, Romito, Lenoci, Molenda, Pompilio (7’ st Bruno), De Vita (1’ st De Filippo). PANCHINA Tucci, Lorito, Ciampa, Stajano, De Rita, Bozzi. ALLENATORE Vadacca
Arbitro Guarnieri di Empoli (Gini-Zingoni)
Note spettatori 250 circa
Espulso al 4’ st Coccia (M) per somma di ammonizioni
Ammoniti Angelilli, Rinaldi (Uf), Vergori (M)
Recupero 1’ pt, 4’ st.

L'esultanza del FondiL’ Unicusano Fondi torna alla vittoria battendo il Manfredonia e fa un passo in avanti decisamente corposo in classifica. Un successo targato Meloni, autore di una tripletta che lo fa schizzare in vetta alla classifica cannonieri e che permette alla sua squadra di collezionare il quarto risultato utile di fila. Il match si apre con un tiro di Alleruzzo parato a terra sebbene la prima occasione “vera” arrivi a metà frazione, quando è Martino a chiamare dalla distanza De Gennaro ad una bella deviazione in tuffo. I locali provano ad alzare i ritmi, ed al 26’ è Tommaselli (tiro svirgolato di Angelilli, poi sponda di Galasso per il difensore centrale) da pochi passi a vedersi rimpallato una conclusione a colpo sicuro praticamente sulla linea. Due minuti dopo è invece Meloni, ottimamente servito in profondità da Tiscione, a mettere a lato dopo aver superato anche il portiere. Ed invece, a dieci minuti dalla fine, ecco il vantaggio del Manfredonia, grazie ad una perfetta esecuzione balistica di Lenoci che dal limite insacca su punizione. I pugliesi sfiorano il raddoppio in contropiede (uscita con i piedi di Saitta su Molenda lanciato a rete), mentre poco dopo è Meloni a trovare l’ opposizione dell’ estremo difensore su deviazione di testa a seguito di traversone ad opera di Galasso. Prima del riposo, l’ attaccante di origine sarda trova però lo spiraglio giusto per pareggiare: cross calibrato sul secondo palo di Ruggiero, il numero undici fondano controlla la sfera, in giocata aerea elude il portiere e di testa appoggia in rete. La ripresa inizia con la seconda ammonizione comminata a Coccia, che costringe gli ospiti a giocare in dieci per il resto della contesa; si apre la strada per i locali, che vanno vicini alla seconda segnatura: punizione di Tiscione sul secondo palo, testa di Rinaldi e palla di poco alta sulla traversa. Il sorpasso è maturo, ed arriva al 13’, grazie ad una splendida giocata del bomber Meloni il quale, dopo aver scambiato con Galasso, mette in rete sottomisura. Successivamente è Tiscione a mancare per due volte la terza segnatura (diagonale rasoterra respinto da De Gennaro ed attimo fuggente perduto dopo una giocata veloce tra due avversari). Ma il 3-1 arriva a tre minuti dalla fine: Meloni si fa trovare pronto al cross di Galasso e da pochi passi appoggia in goal. Prima del fischio finale c’è spazio per  l’ ultima occasione, ma Tiscione di testa coglie il palo. “Per noi i tre punti erano troppo importanti” afferma a fine partita mister Sandro Pochesci “abbiamo creato molto anche sullo zero a zero; magari qualche episodio ci ha favorito contro una squadra ben disposta e che ha giocato davvero bene, ma è un successo comunque meritato. Adesso dobbiamo continuare su questa strada”.