Notizie

Mercati traianei: un rilancio che sa di rinascita

Spazi antichi recentemente rinnovati e nuovi eventi per la celebre area archeologica, che torna al pubblico con un ruolo di primo piano.



Image titleE’ tempo di rilancio per i Mercati Traianei: la millenaria area archeologica, sita nel cuore del centro storico della Capitale, va a riaprire i battenti dopo un una serie di complessi ed approfonditi lavori di restauro. E brillano di nuova luce anche gli ambienti ad esso collegati, recentemente tirati a lucido e pronti ad ospitare tutti quei reperti e materiali che finora sono stati ospitati nei depositi. Il primo nuovo spazio è stato ricavato da una cisterna seicentesca: essa, situata all’ingresso del Museo ed edificata su resti di epoca romana, un tempo era in uso per le necessità del vicino convento di Santa Caterina. Oggi ricadente nelle pertinenze dell’area archeologica traianea, l’ambiente è suggestivo per i giochi di luce provenienti dall’alto, ma anche per l’allestimento, che permette di ammirare centoventotto delle oltre trecento anfore da trasporto fin qui recuperate, molte delle quali ancora integre e complete di bolli, graffiti, iscrizioni dipinte ed introdotte da un video narrante la vicenda di Heinrich Dressel e delle anfore da lui scoperte ed analizzate nella zona di Castro Pretorio intorno alla fine del XIX sec.  Ancora, nell’ambito dei locali recuperati, figurano due grandi sale semicircolari che sono state consolidate durante i lavori del 2010 e che oggi ospitano una sorta di deposito visitabile, dove sono stati ricollocati quaranta frammenti marmorei di notevoli dimensioni recanti fregi, capitelli e resti architettonici di pregevole esecuzione. Infine, nella sala del Colosso sarà possibile ricostruire la colossale statua di Augusto anche attraverso l’ausilio di rinnovati strumenti multimediali. Le visite guidate che sono state predisposte, prevederanno un giro nelle aule di testata alle 17,30 dell’11 e del 25 giugno, mentre la cisterna e le anfore ivi contenute saranno visitabili il 18 giugno ed il 2 luglio a partire dalle 17,30 (Info 060608). Frattanto, continuano gli eventi collaterali che stanno contribuendo a riposizionare l’area tra le mete più ambite dei turisti in transito nella Capitale: fino al 1 novembre 2014, nel segno di Expo 2015, la mostra "L'eleganza del cibo. Tales about food And fashion" prosegue la sua già trionfale cavalcata, a suon di moda e gastronomia, dove viene presentato il gusto italiano attraverso la cucina e capi di altissimo livello (la kermesse infatti nasce da un’idea del presidente della maison Gattinoni, Stefano Dominella). Inoltre, è iniziata lo scorso 22 maggio un’esposizione di opere marmoree dal titolo  “Pablo Atchugarry. Città Eterna, eterni marmi”, importantissima retrospettiva dedicata a Pablo Atchugarry, scultore uruguayiano, promossa da Assessorato alla Cultura e al Turismo di Roma-Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali,  e dall’IILA-Istituto Italo-Latino Americano, nonché dalla Fundación Pablo Atchugarry e con il patrocinio dell’Ambasciata dell’Uruguay in Italia.