Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Nazionali

Mercato, la Futsal Isola piazza il colpo Marcelinho

Dopo la partenza di Luiz, la società aeroportuale corre ai ripari ufficializzando l'ingaggio dell'ex giocatore del Napoli



Marcelinho Padilha GoncalvesMarcelinho Padilha Goncalves è un giocatore della Futsal Isola. Il blitz decisivo è arrivato ieri dopo il via libera definitivo del Napoli. Un pranzo frugale con i presidenti Massimiliano Mazzuca e Federica Poggio, poi di corsa a conoscere i nuovi compagni ‘scortato’ dall’amico e compagno Alexandre Ghiotti arrivato una decina di giorni fa e diventato subito un leader dello spogliatoio. 


Marcelinho. Laterale offensivo, il brasiliano è un funambolo con il pallone in mezzo ai piedi. Angelini l’ha subito battezzato: “Era il giocatore che ci serviva, capace di creare superiorità e darci estro”. Lui, Marcelinho, non sta nella pelle. Subito in campo nella sfida più complicata della stagione. “La Carlisport Cogiano? Sarà durissima ma sono felice di esordire in un match così importante. Queste partite mi gasano. Farò di tutto per aiutare la squadra, darò il massimo”. “Il mio arrivo? Conosco Ciccio Angelini da tempo, è un’icona di questo sport di cui ha scritto la storia. Quando ho saputo del suo interessamento ho chiamato Matias Lara che ha giocato qui nella Futsal Isola e poi subito dopo Luiz. Mi hanno detto entrambe la stessa cosa: se volevo una società seria dove poter giocare con tranquillità e fare bene questa era la piazza ideale. Avevo tante offerte ma non c’ho pensato un secondo. Quando hanno annunciato l’arrivo di Ghiotti ho capito che hanno obiettivi importanti e sono una società ambiziosa. Dove arriveremo? Sono abituato a pensare partita dopo partita. Ora guardo al match contro la prima della classe, poi vedremo”. 


Angelini. L’ha seguito sotto traccia, poi incassato l’ok del Napoli ha sferrato il colpo decisivo. Come per Ghiotti anche su Marcelinho c’è la mano pesantissima del manager/allenatore Gianfranco Angelini: “Marcelinho ha quelle caratteristiche che cercavo da tempo. Ha tanta qualità, sa fare più fasi. È giovane ma ha già tanta esperienza. È cattivo quando deve esserlo. È bravo nell’uno contro uno. Ha un bel mancino a calcia anche con il destro. Come ho saputo che c’era la possibilità che si liberasse dal Napoli ho subito provato a portarlo a Fiumicino. Abbiamo battuto tante concorrenti e di questo devo ringraziare il Napoli, i presidenti, il dg Stefano Salviati che ci ha dato una grossa mano e il procuratore di Marcelo, Gaetano Pagano. Ora ci gustiamo un giocatore vero”.