Notizie
Categorie: Giovanili - Juniores

Mercoledì da brividi: c'è Accademia - Tor di Quinto

La formazione di Papotto e quella di Vergari dopo il doppio rinvio della sfida fissata inizialmente per il 10 ottobre



Come se ci avesse messo mano il destino. Quello che appare come il principale scontro diretto del girone (Grifone e Certosa permettendo) verrà giocato da solo e non nella completa giornata di campionato. Storie di spostamenti e di Rappresentativa. Due settimane di attesa l'hanno reso ancora più denso di significato, con il Tor di Quinto che ha continuato a vincere, per di più esultando in trasferta in uno scontro diretto, e l'Accademia Calcio Roma che ha fatto altrettanto, non perdendo dalla prima giornata. 


Accademia (DelGobbo)Qui Accademia Quel quarto turno poteva interrompere una delle due corse, se non entrambe, e nel caso del team di Papotto sarebbe stato uno stop un poco semplice da mandare giù. I bianconerazzurri avevano già perso alla prima contro il Montespaccato ed una seconda interruzione della corsa avrebbe potuto far nascere qualche timore. Quella sfida non è stata giocata ed arriva, ora, in un momento in cui la squadra di via di Settebagni sta dimostrando di essere davvero da vertice. Il ruolino di marcia dalla seconda in poi è davvero importante, con avversari surclassati ed un numero enorme di gol messi a segno, 20. Numero che assume una valenza ancora maggiore se consideriamo il fatto dei 15 elementi della rosa che hanno timbrato il cartellino. 4 Quelli incassati, e tolti i 3 dell'esordio, il numero non fa così paura. Poteva presentarsi con un punto solo di distacco l'Accademia allo scontro diretto in casa, ma là davanti quel Tor di Quinto sta davvero tirando come un purosangue


Qui Tor di Quinto La vittoria in casa del Savio è frutto di intelligenza calcistica, forza fisica e mentale. I rossoblu Tor di Quinto (©DelGobbo)hanno diretto a loro modo le danze in quel di via Norma, patendo la vivacità offensiva del Savio nelle prime battute, ma venendo sempre fuori con spirito e personalità. Centrando un palo prima, pareggiando lo svantaggio poi. Ha uomini, Vergari, che sanno giocare queste gare e questo tipo di campionato. Un elemento che, nel mondo ibrido della Juniores, fa la differenza ed è spesso decisivo. Il Tor di Quinto è solido ed è davvero difficile prenderlo in infilata. Il Tor di Quinto riesce a muovere tanto là davanti, andando al tiro con diversi interpreti che sembrano essersi davvero ben amalgamati. Fin qui ha dimostrato di essere davvero la squadra da battere. Ma domani..?