Notizie
Categorie: Lega Pro - Nazionali

Messina - Lupa Roma a porte chiuse nonostante lo sforzo di società e comune

Per il prefetto resta il problema della video sorveglianza. Neanche il vertice di stasera in Prefettura ha dato esito positivo. Lo Monaco: "Un danno di immagine per tutta la città"



Lo stadio San Filippo di MessinaMessina - Lupa Roma si disputerà a porte chiuse. Neanche il vertice in extremis di questa sera, con Acr e Comune alleate per lasciare aperti i cancelli, è riuscita a ribaltare la sitazione. Nonostante la corsa contro il tempo di Comune e società siciliana, la Prefettura ha deciso di vietare l'ingresso dei sostenitori al San Filippo per l'esordio casalingo del club dello stretto. "Una situazione grottesca" hanno commentato nella conferenza stampa di stamattina il sindaco messinese Accorinti e il patron Lo Monaco. Nonostante il presidente Lo Monaco abbia ribattuto punto su punto alle precrizioni contestate dal Prefetto, l'ok per l'autorizzazione non è arrivato,  con la Comissione di Vigilanza che ha confermato il divieto di ingresso per i tifosi per delle problematiche legate all'impianto di videosorveglianza: "Ci riserviamo come società di tutelarci nelle sedi legali, perché stiamo subendo un enorme danno economico, di immagine e visibilità. Siamo l’unica squadra d’Italia tra i professionisti che dovrà giocare la sua prima partita a porte chiuse. Chiederemo un’altra seduta della Commissione per fare partecipare la gente all’evento sportivo, soprattutto i nostri 1.500 abbonati - ha tuonato il patron - Questo è un danno economico e di immagine per tutta la città di Messina, visto che il nostro è l'unico stadio tra i professionisti a non aver ricevuto l'autorizzazione". 

(si ringrazia messinasportiva.it per la collaborazione)