Notizie

Mister Luigi Di Stante riparte dagli Allievi Fascia B provinciali del Casilina

Il tecnico: "Mi sono messo a disposizione della società e quando mi è stato chiesto di prendere questo gruppo l’ho fatto senza problemi"



Mister Di StanteA molti potrebbe sembrare una retrocessione. Ma mister Luigi Di Stante, lo scorso anno in sella alla Juniores regionale del Cecchina (Casilina), ha ricominciato dagli Allievi provinciali fascia B del Casilina con immutato entusiasmo. "Mi sono messo a disposizione della società e quando mi è stato chiesto di prendere questo gruppo l’ho fatto senza problemi – sottolinea l’allenatore -. E poi a me sono sempre piaciute le sfide". Quello che il presidente Coratti ha definito "uno dei collaboratori più importanti" del Casilina, oltre ad allenare gli Allievi, collaborerà assieme al responsabile della Scuola calcio Giuseppe Del Natale e al responsabile tecnico per il Brescia (il Casilina è affiliato alla società lombarda) Francesco Ruperto: l’obiettivo è quello di far crescere i piccoli atleti della pre-agonistica. Tornando a parlare del gruppo che allena, Di Stante fissa gli obiettivi stagionali. "Non voglio parlare di traguardi – dice il tecnico -, ciò che mi interessa di più è che la squadra cresca da tutti i punti di vista, atletico, tecnico e tattico, e che si possa mandare qualche elemento nel gruppo maggiore degli Allievi regionali. A tal proposito, sarò in stretto contatto con mister Francesco Facchi: non a caso in questo periodo i due gruppi si stanno allenando allo stesso orario e ci sarà un fitto scambio di dati con lui. Vogliamo fare le cose per bene". Il gruppo di Di Stante ha iniziato a prepararsi da una settimana anche se il campionato comincerà attorno alla metà di ottobre. "I ragazzi stanno mostrando disponibilità ai miei metodi di lavoro e credo che stia nascendo una buona squadra. L’organico è ancora in via di definizione, forse manca ancora un innesto per reparto, ma sono contento di quello che ho a disposizione. Sono convinto che possiamo fare un buon campionato – conclude Di Stante -, anche se bisognerà vedere il livello delle avversarie".